Fondazione Arché

Violenza di genere: ad Arché ne parlano Ingrid Bianchetti e Gaia Romani

20 Novembre Nov 2020 1714 20 novembre 2020

Per la Giornata internazionale contro la violenza sulle donne del 25 novembre, Fondazione Arché propone un dialogo tra Ingrid Bianchetti, direttrice della comunità mamma-bambino Casa Carla, e Gaia Romani, presidente della Commissione delle Politiche Sociali del Municipio 8 di Milano

  • ...
Fondazione Arché
  • ...

Per la Giornata internazionale contro la violenza sulle donne del 25 novembre, Fondazione Arché propone un dialogo tra Ingrid Bianchetti, direttrice della comunità mamma-bambino Casa Carla, e Gaia Romani, presidente della Commissione delle Politiche Sociali del Municipio 8 di Milano

Due donne che parlano di violenza contro le donne a altre donne. È un dialogo a più voci quello che propone Fondazione Arché per il 25 novembre, Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne. A partire dalle 15, Ingrid Bianchetti, direttrice della comunità mamma-bambino Casa Carla, si confronterà con Gaia Romani, consigliera del Municipio 8 di Milano. L’incontro, a cui parteciperanno alcune delle mamme ospiti delle comunità di Fondazione Arché, si svolgerà presso i suoi uffici di Quarto Oggiaro e sarà trasmessa sulle sue pagine social.

Durante il dialogo, Ingrid Bianchetti partirà dal racconto delle esperienze di vita delle donne con cui è entrata in contatto in questi anni di lavoro presso le comunità di Arché. Saranno le loro storie a dare concretezza e senso alla ricorrenza del 25 novembre. A fare sintesi delle contromisure adottate a livello locale e nazionale e delle proposte della politica sul tema della violenza di genere, invece, ci penserà Gaia Romani, presidente della Commissione delle Politiche Sociali del Municipio 8.

A chiudere ci saranno le domande del pubblico. «Purtroppo dobbiamo ancora e ancora parlare di violenza sulle donne anche in questo contesto di pandemia perché gli episodi sono aumentati proprio in questo periodo. È un tema su cui come attori di questa società dobbiamo continuare a lavorare per incidere sui processi culturali e sociali», dice p. Giuseppe Bettoni, presidente di Fondazione Arché, convinto dell’importanza di mettere a confronto un’operatrice del settore e un’amministratrice. «L’esperienza maturata sul campo in tutti questi anni di servizio, in prima linea nel dare supporto alle donne in difficoltà, ci interroga e ci provoca nel cercare il punto di partenza da cui la politica può attingere per offrire delle soluzioni durature a un fenomeno che non cessa di diminuire».

Contenuti correlati