Mamachat
Giornata internazionale

#UnaSuTre, molto più di un hashtag contro la violenza sulle donne

25 Novembre Nov 2020 1040 25 novembre 2020
  • ...

Una campagna per informare e un invito a scendere in campo questa la proposta di Mama Chat, associazione che ha creato il primo sportello di ascolto femminile completamente digitale. «Una donna su tre vorrebbe dire basta, ma nella maggior parte dei casi pensa che non vi sia nessuno ad ascoltarla» spiegano Margherita Fioruzzi e Marco Menconi fondatori della onlus

Ascoltare, prevenire e informare. Sono queste le idee che ispirano la campagna di awareness a scopo sociale #UnaSuTre lanciata sui social in occasione della Giornata internazionale contro la violenza sulle donne da Mama Chat, associazione non profit che ha creato il primo sportello europeo di ascolto femminile interamente digitale.

La campagna #UnaSuTre di Mama Chat arriva nel mare magnum dei social per chiamare a raccolta le donne su un tema tutt’altro che trascurabile: nel mondo la violenza domestica è purtroppo ancora la prima causa di morte per le donne fra i 16 e i 44 anni: più di cancro, incidenti stradali, guerre. Muore una donna ogni 8 minuti.
Un quadro drammatico confermato dai dati Istat 2019, che dicono che il 31,5% delle donne tra i 16 e 70 anni (6 milioni 788mila) nel corso della loro vita ha subito violenza fisica o sessuale, con i casi più gravi che vedono responsabili partner, parenti o amici. E, in Italia, dei partner denunciati solo il 27,9% è stato imputato per la violenza e di questi solo l’8,3% condannato.

Per dire basta a tutto questo, oggi 25 novembre Mama Chat invita a scaricare il filtro con #UnaSuTre che ha ideato con i creativi del team di H-FARM Digital Marketing: un hashtag che richiama un concetto già conosciuto e utilizzato nella lotta alla violenza contro le donne e uno sfondo di volti femminili in cui a una donna su tre è stata cancellata la bocca. Lo sfondo, una volta caricato sul proprio profilo, parte prima con tutte le donne in bianco e nero, andando poi a colorarne solo una su tre.

Ma #UnaSuTre non un semplice hashtag da usare, ma un vero e proprio invito a scendere in campo rivolto a tutte le donne e gli uomini per rompere il muro del silenzio che ancora troppo spesso isola chi è vittima di violenza sessuale, o subisce maltrattamenti fisici o psicologici dentro e fuori le mura di casa.
«Una donna su tre vorrebbe dire basta, ma nella maggior parte dei casi pensa che non vi sia nessuno ad ascoltarla. "Rompi il silenzio, fai sentire la tua voce contro la violenza sulle donne" è lo slogan che auspichiamo diventi virale il 25 novembre», spiegano i fondatori di Mama Chat.

La campagna del 25 novembre offre l’occasione a Mama Chat per raccontare i tre anni di vita di questo “telefono rosa senza fili”, uno sportello chat psicologico volutamente anonimo e gratuito dietro al quale c’è uno staff di 17 psicologhe volontarie formate e pronte ad ascoltare, sostenere e informare come recita lo slogan dell’associazione Per ogni donna che chatta, c’è sempre una persona che ascolta”.

La professionalità e l‘accessibilità dei servizi offerti hanno fatto conoscere Mama Chat a più di 7000 donne in difficoltà – con età media dai 25 ai 44 anni – in 3 anni di attività e gli sono valsi premi importanti come il Google Impact Challenge on Safety 2020 e il Welfare Together 2018 come miglior startup sociale in Italia.

Lo sportello di aiuto online, appositamente ideato da Mama Chat affinché non ci sia bisogno di iscriversi o lasciare mail, è rivolto al pubblico femminile e funziona attraverso una semplice chat cui si accede da smartphone, tablet o pc sul sito mamachat.org: la donna in difficoltà stabilisce un contatto tramite la chat riservata e dall’altra parte risponde una psicologa del team che, dopo un ascolto approfondito, la indirizzerà verso i servizi territoriali o del Terzo settore più idonei (consultori, ospedali, servizi sociali, sportelli anti-violenza).

Questa l’idea da cui è partita Mama Chat, fondata nel 2017 da Margherita Fioruzzi assieme a Marco Menconi (nella foto). Una laurea in psicologia e un master a Dublino in disuguaglianze sociali lei, una laurea in ingegneria meccanica ed esperienza digital a Google Dublino lui.
«Incontravo per il mio lavoro donne e mamme con gravi problemi psico-sociali, alcune vittime di violenza e maltrattamenti, anche psicologici, con scarsa conoscenza dei loro diritti. Ad accomunare italiane e straniere era il fatto di essere sempre connesse con il cellulare. E osservandole, ho capito che sarebbe stato più facile per loro chiedere aiuto protette dall’anonimato di una chat», racconta Margherita Fioruzzi parlando dell’inizio del tutto (ne avevamo parlato qui).

Grazie allo sportello online gestito da psicologi professionisti, Mama Chat sfata il mito per cui si deve essere ricchi per andare dallo psicologo. «Purtroppo, molte donne non sanno che esistono servizi accessibili a tutti. Ciò che accomuna le donne che ci scrivono è il bisogno di accedere a un professionista in modo semplice e non oneroso che dica loro “prenditi cura di te stessa e chiedi aiuto a un consultorio”, o spieghi che non è normale il maltrattamento che subiscono, che non tutti gli uomini picchiano, urlano e controllano la propria partner e che c’è una via d’uscita dalla violenza. Parlare di questi problemi non è facile per nessuno, soprattutto quando sei in una situazione di pericolo. Anche per questo il 25 novembre invitiamo tutte a usare il nostro filtro #UnaSuTre nelle loro Stories», sottolinea Margherita Fioruzzi.

Le psicologhe di Mama Chat raccontano di un inquietante aumento di donne vittime di violenza psicologica che non hanno neanche coscienza di esserlo. Tantissime anche le utenti che chiedono conferma di fake news o falsi diffusi sul web e in poche sanno a chi rivolgersi per avere informazioni chiare. Proprio per questo Mama Chat punta a essere contraltare a forum e gruppi Facebook che diffondono informazioni poco attendibili. Prevenire e informare è il “filo rosa” che lega tutte le azioni di ascolto e aiuto verso le donne in difficoltà che si rivolgono alle psicologhe dell’associazione tramite questa chat.

A settembre 2019 è stato lanciato anche un servizio di consulti di psicoterapia con collegamento video. I consulti, in questo caso, hanno un costo calmierato (35 euro) per facilitare l'accesso a un percorso psicologico per chi – come mamme, persone con disabilità o diverse fragilità – non riesce a seguire con continuità una psicoterapia di persona. Il supporto psicologico online nell’emergenza Covid è stato per molte donne in difficoltà fra le mura di casa l’unico modo parlare con uno psicologo a distanza. Mama Chat è stato dunque un servizio salva-vita per moltissime che in questo periodo di lockdown, crisi sanitaria e sociale non sapevano a chi rivolgersi.

Contenuti correlati