Schermata 2020 12 10 Alle 13
Mondo

Nobel per la Pace: «non chiedeteci di scegliere chi vive e chi muore»

10 Dicembre Dic 2020 1537 10 dicembre 2020
  • ...

È stata Lisa Clark a consegnare oggi a Roma il Premio Nobel per la Pace 2020 al World Food Program (WFP): le restrizioni dovute al Covid-19 non hanno permesso la consueta cerimonia di premiazione a Oslo. David Beasley: «Il mio tragico dovere oggi è dirlo: la carestia bussa alla porta di 270 milioni di persone sulla terra»

È stata Lisa Clark a consegnare oggi il Premio Nobel per la Pace 2020 al World Food Program (WFP). Le restrizioni dovute al Covid-19 non hanno permesso la consueta cerimonia di premiazione a Oslo.

La cerimonia è stata in diretta, in collegamento con l'Istituto Nobel in Norvegia, da dove la Presidente del Comitato del Nobel Mrs.Berit Reiss-Andersen ha spiegato le motivazioni per le quali il Comitato ha assegnato il Premio al WFP. Lisa Clark, Co-Presidente dell'International Peace Bureau, organizzazione vincitrice del Premio Nobel per la Pace nel 1910, dalla sede del WFP a Roma, ha consegnato la Medaglia del Nobel e il Diploma a David Beasley, direttore esecutivo del World Food Program (WFP). Ecco alcuni estratti del suo discorso di ringraziamento.

David Beasley

«Svegliandosi questa mattina nella bellissima città di Roma, è difficile immaginare che intorno al 400 d.C. questa città abbia subito una grande carestia, che ha finito per uccidere quasi il 90% della sua popolazione. Gli studiosi di storia associano a quella data l'inizio della caduta dell'Impero Romano. Ora, la carestia ha causato la caduta? O la caduta ha causato la carestia? Penso che la risposta sia entrambe le cose. Svegliandoci oggi in questo mondo ricco, moderno e tecnologicamente avanzato, è difficile immaginare che stiamo attraversando, oggi, una carestia come quella. Ma il mio tragico dovere oggi è dirlo: la carestia bussa alla porta di milioni e milioni di persone sulla terra. L'incapacità di prevenire la fame ai nostri giorni distruggerà tante vite e causerà la caduta di molte cose che ci stanno a cuore», ha detto Beasley.

Beasley ha ringraziato a nome dei 19.000 operatori di pace del WFP, dei sostenitori, delle 100 milioni di persone affamate che seguono: «Grazie per aver riconosciuto il nostro lavoro nell'usare il cibo per combattere la fame, per mitigare la destabilizzazione delle nazioni, per prevenire la migrazione di massa, per porre fine ai conflitti e... per creare stabilità e pace. Crediamo che il cibo sia la via per la pace». Ma nel mondo ci sono 270 milioni di persone che stanno “marciando verso la fame”, con una pandemia che sta peggiorando esponenzialmente tutto. «Questo premio Nobel per la pace è più di un ringraziamento. È un invito all'azione. […] Ciò che mi scalda il cuore è questo: 100 milioni di persone come me hanno ricevuto cibo dal Programma alimentare mondiale lo scorso anno e abbiamo evitato la carestia. Ciò che mi lacera dentro è questo: quest'anno, milioni e milioni e milioni di miei pari stanno marciando sull'orlo della fame. Ci troviamo in quello che potrebbe essere il momento più ironico della storia moderna. Da un lato, dopo un secolo di enormi passi avanti nell'eliminazione della povertà estrema, oggi quei 270 milioni di nostri vicini sono sull'orlo della fame. È più dell'intera popolazione dell'Europa occidentale. D'altra parte, oggi nel nostro mondo ci sono 400 trilioni di dollari di ricchezza. Anche al culmine della pandemia COVID, in soli 90 giorni, sono stati creati altri $ 2,7 trilioni di dollari di ricchezza. E abbiamo solo bisogno di 5 miliardi di dollari per salvare 30 milioni di vite dalla fame. […] Per favore, non chiedeteci di scegliere chi vive e chi muore. Nello spirito di Alfred Nobel, come scritto su questa medaglia, “pace e fratellanza”: diamo da mangiare a tutti. Il cibo è la via per la pace».

Contenuti correlati