Parco 1
Cultura

Donori, il paese che è un libro aperto

24 Febbraio Feb 2021 1301 24 febbraio 2021
  • ...

Un nuovo tassello del progetto promosso da questo piccolo paese della Sardegna. Un parco letterario diventato un luogo d’incontro, di riflessione e di letture, con le panchine letterarie che affascinano grandi e piccini. Scuole da tutto il territorio si recano in questa località per tenere lezioni all'aperto di italiano, inglese e storia dell'arte. Perché la cultura non è un patrimonio per pochi privilegiati

Donori , un paese di 2.000 abitanti a venti minuti d'auto da Cagliari e un fermento culturale che spesso non si incontra nelle città più grandi. In questi giorni è stato inaugurato il parco letterario “Don Pietro Aresu” , nell'omonima piazza che ormai è diventata a pieno titolo l'agorà di questa località del Parteolla, un tempo conosciuto per lo più per la sua vocazione agropastorale. Questo parco è diventato un luogo d'incontro, di riflessione e di letture , caratterizzato da una serie di panchine letterarie i cui contenuti offrono spunti di dialogo e confronto interessanti sia agli adulti che ai più piccini.

Antonio Meloni , assessore comunale alla Cultura e Pubblica istruzione, è legittimamente soddisfatto del lavoro svolto sinora: «L'obiettivo - spiega - è di proseguire nel progetto e abbellire ulteriormente il nostro paese. Mi sembra che ci sia il gradimento, e non solo degli abitanti di Donori. Questo mi fa piacere perché la cultura è un patrimonio di tutti e non un privilegio di pochi . Le panchine del parco letterario rientrano nel più ampio progetto “ Donori: un libro aperto ” e sottolineano che non può esistere un mondo senza libri, senza cultura, senza conoscenza, senza tolleranza. È un invito intanto alla lettura, ma non solo : se il visitatore percorre le vie di Donori, può leggerefrasi e aforismi di scrittori universali, poeti, cantautori e personaggi di caratura mondiale (Grazia Deledda, Fabrizio De Andrè, Jacques Prévert, Jorge Luis Borges, Hermann Hesse, Platone, John Fitzgerald Kennedy, Martin Luther King, ma anche Gesù Cristo, Buddha e Gandhi), oppure ammirare le riproduzioni di grandi opere d'arte (da Caravaggio a Kandinsky, da Monet a van Gogh). Insomma, credo che sia un bel modo di accogliere le persone nel nostro paese. Da tempo abbiamo installato nella Casa comunale alcuni pannelli che riportano i principi fondamentali dell'Uomo, del Fanciullo e della Costituzione italiana. Non poche scolaresche sono venute a Donori per tenere lezioni all'aperto di italiano, inglese e storia dell'arte, prendendo spunto da queste panchine. Abbiamo ricevuto i complimenti dal presidente della Repubblica, Sergio Mattarella , che era stato informato del progetto e ci ha incoraggiati a proseguire su questa strada ».

L'assessore comunale alla Cultura di Donori, Antonio Meloni

«“ Donori: un libro aperto ”non è altro che un cammino, anche virtuale, attraverso il quale tutti possono godersi le espressioni più alte e più significative dell'Umanità », sottolinea ancora Meloni. «Ma è anche un modo, anzi un metodo, attraverso il quale una piccola comunità come la nostra desidera elevarsi e arricchirsi, donarsi e donare arte e cultura in tutte le sue più alte e significative espressioni . Cosa c'è di più nobile di una sinfonia di Beethoven o di Vivaldi, di un'opera di Verdi o di Rossini, di un quadro di Leonardo, di Caravaggio o di una scultura di Michelangelo? È pure una modalità per valorizzare e promuovere le sapienze locali e quelle di quanti intendono condividere e donare il loro sapere, nella consapevolezza che in questo modol'arredo non sarà solo urbano ma anche e soprattutto spirituale ».

“I have a dream”, citano una targa e una panchina: una frase storica impregnata di un significato di grande potenza che, soprattutto di questi tempi, è tornato di strettissima attualità. Donori, il suo sogno, lo sta realizzando. Passo dopo passo.

Con il sostegno di:

Contenuti correlati