Centri Detenzione Libia GLAN
Migranti

Visita Draghi in Libia: "Nulla da cui essere soddisfatti"

7 Aprile Apr 2021 1531 07 aprile 2021
  • ...

“Quelli che vengono definiti “salvataggi della Libia” non lo sono: sono recuperi forzati in mare che si concludono in lager, torture, violenze, abusi e violazioni. Così Emergency sulla visita del Presidente del Consiglio a Tripoli

«Quelli che vengono definiti “salvataggi della Libia” non lo sono: sono recuperi forzati in mare che si concludono in lager, torture, violenze, abusi e violazioni. Pochi giorni fa l’inviato Onu a Tripoli ha riferito al Consiglio di sicurezza che «attualmente sono circa 3.858 i migranti detenuti in centri di detenzione ufficiali in condizioni estreme, senza un giusto processo e con restrizioni all’accesso umanitario». Anche l’ultimo rapporto di Amnesty International conferma che molte persone sono intrappolate nel Paese con l’obiettivo di “contenere” il presunto “assalto” di migranti africani». Con queste parole Emergency spiega il suo disappunto per le parole pronunciate da Draghi in visita alla Libia.

«​Secondo il Report 2020 della Commissaria per i diritti umani del Consiglio d’Europa Dunja Mijatović, «l'arretramento nella protezione delle vite e dei diritti dei rifugiati e dei migranti sta peggiorando e causa migliaia di morti evitabili ogni anno». In questo senso la Libia non ha di certo dimostrato di essere un buon interlocutore nella gestione delle migrazioni. Eppure tutto questo non basta alla politica italiana per evitare di stabilire alleanze con un Paese coinvolto in sparizioni forzate di rifugiati e migranti trasferiti in centri di detenzione non ufficiali. No, non c’è nulla di cui essere soddisfatti».

Contenuti correlati