Elisa Paci E Federico Ponti In Un'aula Della Scuola Di Al Muktaz, Durante La Distribuzione Dei Kit Scolastici JPG
Mondo

Nasce la scuola di Cooperazione Internazionale di Coopi

12 Aprile Apr 2021 1807 12 aprile 2021
  • ...

Proprio in questi giorni parte la quinta edizione dei corsi di formazione professionale per le figure di Capo progetto e Amministratore/trice di progetto nella cooperazione internazionale, che consentiranno a 22 studenti di impiegarsi professionalmente nelle attività umanitarie all’estero

Proprio in questi giorni parte la quinta edizione dei corsi di formazione professionale per le figure di Capo progetto e Amministratore/trice di progetto nella cooperazione internazionale, che consentiranno a 22 studenti di impiegarsi professionalmente nelle attività umanitarie all’estero. Tali corsi, portati avanti dal 2017 dalla Fondazione COOPI e dal CAPAC – Politecnico del Commercio di Milano, fanno parte di una iniziativa volta a formare operatori umanitari altamente qualificati dal punto di vista tecnico, manageriale e gestionale e che confluirà nella costituenda “Scuola della Cooperazione Internazionale – Formazione Professionale”.

Le novità dei corsi in partenza sono due: innanzitutto, i due corsi hanno preso avvio in parallelo e non separatamente come in precedenza; in secondo luogo, i corsi saranno erogati on line, il che ne fa un punto di forza, come hanno dimostrato le recenti esperienze.

Gli attuali percorsi in Capo progetto e Amministratore/trice di progetto umanitario sono strutturati in maniera modulare: ciò consente di erogare alcuni argomenti specifici alle classi separate e di proporre gli argomenti trasversali alla classe mista. Inoltre sono tenuti in modalità sincrona e online: tale caratteristica, resa obbligatoria in un primo momento a causa del Covid-19, si è rivelata una potenzialità, perché ha permesso di includere una platea nazionale, ma anche di espatriati, che senza dover sostenere spese di viaggio, vitto e alloggio hanno potuto frequentare i corsi. La prossima sfida sarà quella di condurre i corsi in lingua (inglese o francese) per potersi rivolgere ad un pubblico ancora più vasto ed eterogeneo.

I tratti distintivi dei corsi sono, da una parte, la qualità della docenza e, dall’altra, la certificazione delle competenze acquisite. I docenti sono professionisti della cooperazione internazionale, preventivamente formati per svolgere attività di insegnamento in modo interattivo, capaci di includere esercitazioni pratiche e verifiche dell’apprendimento; all’avvio dei corsi, inoltre, sono previste sessioni formative per allineare le competenze pregresse dei partecipanti, allo scopo di consentire una maggiore efficacia dell’attività. Poiché il CAPAC, infine, è un ente di formazione professionale accreditato presso Regione Lombardia, il corso rilascia una certificazione delle competenze acquisite, valevole in tutta l’Unione europea.

La sperimentazione condotta con i corsi di Capo progetto e Amministratore/trice di Progetto ha messo le basi alla costituenda “Scuola della Cooperazione Internazionale – Formazione professionale”. I suoi obiettivi? La formazione professionale di coloro che vogliono lavorare nell'ambito della cooperazione internazionale e la formazione continua/ permanente di operatori della cooperazione internazionale, al fine di migliorare i processi di lavoro e favorire i percorsi di carriera nelle Organizzazioni Non Governative.

Gli elementi caratterizzanti la Scuola di Formazione Professionale sono: la definizione costante dei bisogni formativi e occupazionali; il know-how operativo e tecnico nella gestione di progetti, nella progettazione modulare e nella formazione; le opportunità di lavoro e di tirocinio all’estero dei partecipanti ai corsi; la possibilità di certificazione, con valore in tutta l’Unione Europea, delle competenze acquisite.

L’iniziativa della “Scuola della Cooperazione Internazionale” è nata dallo studio e dalla riflessione sull’importanza della formazione professionale, sull’inserimento lavorativo nel settore della cooperazione internazionale e sulla qualificazione e aggiornamento del personale in servizio, sia espatriato che locale. Ad oggi, si sono proposti 100 candidati in media ad ogni corso erogato; sono stati selezionati tra i 12 e i 15 partecipanti a corso; quasi il 90% del totale è partito per un’esperienza professionale nel settore umanitario.

Credit foto: Coopi, Elisa Paci e Federico Ponti in un'aula della scuola di Al Muktaz

Contenuti correlati