Key Mastersenaiper Pixabay
Crisi

Gualzetti, «Salvare le case delle aste è possibile»

5 Maggio Mag 2021 1620 05 maggio 2021
  • ...

Alla vigilia del dibattimento in aula del Decreto Sostegni il direttore di Caritas Ambrosiana guarda con fiducia all’approvazione della norma che ha accolto l’emendamento chiesto dalla società civile che permetterebbe la rinegoziazione dei mutui, donando un po’ di serenità a migliaia di famiglie

Anche su sollecitazione di due enti della diocesi di Milano (Caritas Ambrosiana e Fondazione San Bernardino) era stato presentato al Senato un emendamento al Decreto Sostegni per riformare l'art. 41-bis della legge n. 157 del 2019 che non era mai entrato in vigore per mancanza di decreti attuativi (ne avevamo scritto qui). Alla vigilia del dibattimento in aula sul Decreto Sostegni, dove è stata inserita la riforma del art. 41-bis della legge n. 157 del 2019, in virtù della quale sarà possibile ottenere la rinegoziazione di mutui anche sugli immobili già all’asta, il direttore di Caritas Ambrosiana e presidente della Fondazione san Bernardino osserva che ora: «Possiamo salvare le case di abitazione dall’aggressione delle esecuzioni fallimentari. Ora il Parlamento approvi la norma che ridarebbe un po’ di serenità a migliaia di famiglie in un momento tanto difficile per il Paese».

L’emendamento, chiesto da organizzazioni di volontariato, università e magistrati, tra cui anche la Caritas Ambrosiana e la Fondazione san Bernardino, è stato già approvato dalla Commissione bilancio del Senato e quindi inserito nel Decreto legge che domani andrà in Parlamento per la conversione.
La norma - (l'art. 41-bis della legge n. 157 del 2019), eliminando la necessità di decreti attuativi, introduce a favore del debitore la possibilità, anche se l’immobile è già all’asta, di rinegoziare il proprio mutuo oppure di chiedere un rifinanziamento per estinguere il mutuo stesso, mediante l’accesso al Fondo di garanzia per la prima casa. In questo modo, sarà anche possibile presentare l'istanza prevista dall' art. 41-bis all’interno delle rinnovate procedure di composizione del sovra-indebitamento.

«Siamo alle battute finali di un provvedimento che contribuirebbe a riequilibrare il rapporto tra debitori e creditori, una questione molto importante in questo particolare periodo in cui stiamo assistendo ad un progressivo scivolamento verso il basso del ceto medio», commenta Gualzetti.

In apertura foto di mastersenaiper da Pixabay

Contenuti correlati