Governo

Armi: i cittadini europei giudicano immorali le scelte dei loro governi

7 Maggio Mag 2021 0728 07 maggio 2021

A rivelarlo è il sondaggio d’opinione condotto dal 15 al 19 aprile dall’istituto di ricerca YouGov per conto di Greenpeace. È stata intervistata la popolazione dei quattro maggiori esportatori europei di armi: Germania, Francia, Spagna e Italia.

  • ...
B Nkm2blp
  • ...

A rivelarlo è il sondaggio d’opinione condotto dal 15 al 19 aprile dall’istituto di ricerca YouGov per conto di Greenpeace. È stata intervistata la popolazione dei quattro maggiori esportatori europei di armi: Germania, Francia, Spagna e Italia.

I cittadini dei principali Paesi produttori di armi dell’Unione europea bocciano le politiche di esportazione dei loro governi. La maggioranza degli intervistati ritiene infatti che il proprio governo non tenga sufficientemente conto dei principi morali ed etici quando autorizza l’export militare. Un giudizio condiviso dal 65% degli italiani, dal 61% degli spagnoli, dal 60% dei tedeschi e dal 53% dei francesi. Gli italiani sono quelli più contrari all’export di armi e alle spese militari. A rivelarlo è il sondaggio d’opinione condotto dal 15 al 19 aprile dall’istituto di ricerca YouGov per conto di Greenpeace. È stata intervistata la popolazione dei quattro maggiori esportatori europei di armi: Germania, Francia, Spagna e Italia.

Greenpeace pubblica i risultati del sondaggio a pochi giorni dall’uscita della nuova relazione governativa sull’export militare italiano, che conferma un trend avviato cinque anni fa: il sorpasso dei Paesi extra Nato-Ue tra le destinazioni delle nostre armi. La maggior parte degli armamenti italiani finisce così nelle zone a più alta tensione al mondo: il Nord Africa e il Medio Oriente. “Se l’Europa vuole funzionare come progetto di pace, le esportazioni di armi devono essere regolamentate in modo più rigoroso. Anche l’Italia deve fare la sua parte, estendendo l’embargo che ha già imposto alle bombe e ai missili diretti in Arabia Saudita e negli Emirati Arabi a tutti i tipi di armamento e a tutti i Paesi coinvolti in conflitti o in violazioni dei diritti umani”, dice Chiara Campione, portavoce della campagna Restart di Greenpeace Italia.

I cittadini bocciano soprattutto le esportazioni di armi verso Stati dittatoriali, che violano diritti umani o sono coinvolti in guerre, mentre un italiano su quattro ritiene che il nostro Paese non dovrebbe esportare armi in assoluto. La maggioranza degli intervistati è contraria anche alle politiche in tema di export congiunto dei sistemi d’arma europei, come i caccia di nuova generazione, verso Paesi terzi. Per il 76% degli italiani, il 73% dei tedeschi, il 69% degli spagnoli e il 59% dei francesi, infatti, il proprio governo non dovrebbe partecipare a progetti europei se “le armi sviluppate e prodotte in ambito comunitario venissero vendute a Stati dittatoriali, coinvolti in guerre o in violazioni dei diritti umani”.

“Il governo italiano, al pari degli altri esecutivi europei, opera contro il mandato dei cittadini, che non vogliono essere complici di repressione e atrocità vendendo armi a regimi dittatoriali o in guerra”, continua Campione.

La maggioranza dei cittadini non vede alcun beneficio dalle esportazioni di armi. Rispondendo alla domanda: “Secondo lei, chi nel suo Paese beneficia maggiormente delle esportazioni di armi?”, solo una manciata di intervistati ha indicato “la popolazione” o “i lavoratori”: in Italia e in Spagna rispettivamente il 2 e il 3%, in Germania e in Francia il 3 e il 4,5%. Per gli italiani, a guadagnarci sono essenzialmente l’industria bellica (55%) e il governo (22%).

Plebiscitaria anche la richiesta degli intervistati di ridurre le spese militari: quasi l’80 per cento degli italiani è a favore di un taglio, contro solo un 2% che le vorrebbe aumentare. Netta anche la posizione di spagnoli (70%) e tedeschi (63%), mentre tra i francesi solo la maggioranza relativa (40%) si schiera per la decurtazione.

Greenpeace Italia chiede un’applicazione rigorosa della legge 185/90 che regola il controllo dell’esportazione, importazione e transito dei materiali di armamento, e che già vieta l’export di armi verso Paesi coinvolti in conflitti e in violazioni dei diritti umani, oltre a una comunicazione trasparente di tutte le operazioni di export bellico.

Articolo pubblicato su Greenpeace il 6 maggio 2021

Contenuti correlati