Schermata 2021 05 21 Alle 21
Ciai

Odissea in rap contro la povertà educativa

21 Maggio Mag 2021 2146 21 maggio 2021
  • ...

Studenti e insegnanti delle classi seconde dell’istituto comprensivo Grazie Tavernelle di Ancona hanno riletto l'Odissea alla luce dei mesi in Dad, creando un originale racconto rap

Il lungo viaggio di Ulisse e la paziente attesa di Penelope: questi due elementi della storia omerica diventano più vicini se essere riletti in tempi di Dad e Covid-19. Lo hanno fatto gli studenti dell’istituto comprensivo Grazie Tavernelle di Ancona, una delle scuole che partecipa al progetto #tu6scuola di Ciai, selezionato dall’impresa sociale Con i Bambini nell'ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile.

I ragazzi, insieme ai loro insegnanti, hanno riletto i versi dell’Odissea alla luce dei mesi trascorsi tra Dad e degli sporadici ritorni in classe; il rap di oggi ha preso il posto della cetra, in un grande lavoro collettivo. Lavorando sia in presenza che a distanza, gli alunni delle seconde classi hanno sperimentato la creatività a tutto tondo: dalla scrittura alla musica, dal canto alla recitazione, dalla registrazione alla produzione di video. Tutti si sono messi in gioco, mettendo a frutto le diverse competenze dei singoli: una collaborazione innovativa per dimostrare che l’educazione di qualità è possibile.

L’iniziativa, coordinata dai docenti dell’istituto e dall'associazione Opera cooperativa sociale, fa parte dei laboratori Saltaclasse di #tu6scuola. I laboratori Saltaclasse, così come tutte le azioni promosse da #tu6scuola a Milano, Rovellasca, Città di Castello, Ancona, Bari e Palermo, rappresentano un’occasione di riscatto per molti adolescenti che hanno convissuto con la pandemia da Covid19 per due anni scolastici: isolamento e privazioni, educative e sociali, hanno ad oggi provocato una crescita degli abbandoni scolastici e delle fragilità, anche a causa della difficoltà a studiare con la DAD. Si stima che complessivamente circa 200mila studenti abbiano abbandonati gli studi: si va dal 40% di Gela al 25% di Pavia.