Digital
Terzo Settore

#wannabedigital? Ecco il contest che mette in palio venti ingressi per il Web Marketing

8 Giugno Giu 2021 1219 08 giugno 2021
  • ...

Sono 20 gli ingressi gratuiti full (online e offline) messi a disposizione da Italia non profit per supportare il non profit e la sua ripartenza favorendo la formazione e il capacity building del Terzo Settore

C’è tempo fino al 21 giugno per partecipare al contest che mette in palio la possibilità di partecipare gratuitamente al Web Marketing Festival di Rimini il 15, 16 e 17 luglio 2021 con posto garantito in presenza. Un’occasione di formazione digitale che Italia non profit mette a disposizione di tutto il Settore e dedicata sia per chi lavora da sempre con l’online, sia per coloro che in questo ultimo anno scandito dalla pandemia hanno dovuto riorganizzare, riprogettare e rileggere il proprio lavoro sotto questa lente.

Sono 20 gli ingressi gratuiti full (online e offline) messi a disposizione da Italia non profit per supportare il non profit e la sua ripartenza favorendo la formazione e il capacity building del Terzo Settore. Un’occasione per ritrovarsi e ripartire nell’evento che più di tutti mette al centro l’innovazione digitale, ideato e realizzato con successo da ormai da 9 edizioni da Search On Media Group. Possono candidarsi tutti gli enti non profit, grandi o piccoli, e operatori del settore pronti a cavalcare la trasformazione digitale e l’innovazione.

La pandemia ha avuto un forte impatto sulla vita digitale delle organizzazioni non profit, che volontariamente o spinte dalle necessità del momento si sono trovate a dover fronteggiare le nuove sfide, i nuovi bisogni sociali e la distanza fisica che l’emergenza sanitaria ha portato. Dalla rilevazione fatta durante il primo lockdown del 2020 da Italia non profit, emerge una grandissima spinta verso il digitale del Terzo Settore italiano: il 19% degli enti ha creato contenuti digitali per l’attività dell’organizzazione, il 12% ha investito nel digital fundraising e il 61% è stato in grado di digitalizzare almeno in parte i propri servizi (Dati del Non Profit Philanthropy Social Good Covid-19 Report).

“Il non profit quest’anno è stato messo a dura prova: ci sono attività che non possono essere fatte offline e che sono state grandiosamente riorganizzate in versione digitale per continuare a generare impatto sociale per tutta la società civile. Ora è finalmente arrivato il momento di tornare a parlarsi, raccontarsi, scambiarsi esperienze e crescere insieme, da più vicino. Italia non profit, con questo contest, vuole supportare la grande esperienza e voglia di conoscenza di chi, in questo ultimo periodo, ha messo insieme tutte le energie che aveva per continuare a produrre bellezza per il bene comune. Offrire la possibilità a chi opera negli enti di formarsi e di scambiare conoscenze a un evento di portata nazione significa far emergere le grandi capacità che il non profit detiene e che vuole continuare a sviluppare per dare sostegno e occuparsi dei bisogni sociali. Abbiamo scelto di esserci e di dare segnali chiari: il non profit sarà al WMF21 in presenza, è il momento di ripartire, per l’indotto, per il settore che vale il 5% del PIL, per chi offre servizi e la filiera degli eventi, per tutti” - dichiara Giulia Frangione, CEO di Italia non profit.

Partecipa al contest su: https://italianonprofit.it/wannabe-digital/

Contenuti correlati