African 852541 1920
Emergenze

Sud Sudan: 7,2 milioni di persone sull'orlo della carestia

9 Luglio Lug 2021 1431 09 luglio 2021
  • ...

Nel Paese è aumentato del 50% in 10 anni il numero di persone in crisi per la fame. Si stima che circa 1,4 milioni di bambini soffrano già di malnutrizione acuta. La denuncia arriva dall'organizzazione Save the Children che chiede al governo di frenare la violenza comunitaria e accelerare l’attuazione dell’accordo di pace e alla comunità internazionale di affrontare le cause profonde dell'acuta insicurezza alimentare

Mentre festeggia il decimo anniversario della sua nascita, il Sud Sudan, il paese più giovane del mondo, sta affrontando la peggiore crisi alimentare di sempre, con 7,2 milioni di persone, tra cui milioni di bambini, che soffrono la fame o sono sull'orlo della carestia. Lo denuncia Save the Children, l’Organizzazione internazionale che da oltre 100 anni lotta per salvare i bambini a rischio e garantire loro un futuro.

Il numero di persone in grave pericolo di fame è aumentato del 50% rispetto alla stessa stagione di dieci anni fa, con dati pubblicati nel 2012 che mostrano come il 40% della popolazione stesse vivendo livelli di crisi di insicurezza alimentare di IPC 3 o superiori in quel momento.

Save the Children avverte che questa situazione molto probabilmente peggiorerà nei prossimi mesi a causa della violenza in corso, degli alti prezzi alimentari, degli shock climatici e delle barriere all'accesso umanitario, a meno che non venga intrapresa un'azione nazionale e globale urgente. Si stima che circa 1,4 milioni di bambini soffrano già di malnutrizione acuta.

L'Organizzazione chiede al governo del Sud Sudan di frenare la violenza comunitaria e accelerare l'attuazione dell'accordo di pace, per affrontare alcune delle cause profonde della crisi della fame e consentire ai bambini di guardare verso un futuro migliore.

Le cifre attuali sulla fame riportano 2,47 milioni di persone a livelli di emergenza di insicurezza alimentare (IPC 4) e 31.000 persone che affrontano livelli catastrofici di insicurezza alimentare (IPC 5) o condizioni simili alla carestia. Save the Children è particolarmente preoccupata per il benessere di circa 1,4 milioni di bambini che dovrebbero soffrire di malnutrizione acuta quest'anno, la cifra più alta dal 2013. La malnutrizione può causare arresto della crescita, ostacolare lo sviluppo mentale e fisico, aumentare il rischio di sviluppare altre malattie e alla fine anche la morte.

Già il mese scorso Save the Children aveva lanciato l’allarme sugli oltre 5,7 milioni di bambini sotto i cinque anni sull'orlo della fame in tutto il mondo, che sta affrontando la più grande crisi di fame globale del 21° secolo.

Mary*, 36 anni, è la madre di Aluel*, 1, della contea di Akobo in Sud Sudan. Aluel ha sofferto di una grave fame sin dalla nascita, che ha avuto un impatto sulla salute mentale di Mary. Save the Children ora li supporta entrambi. “Sono venuta ad Akobo per ricevere servizi medici per mio figlio, che è malato da più di un anno. Dove viviamo, stiamo morendo di fame perché ci sono state inondazioni che hanno distrutto i nostri raccolti e ci hanno lasciato affamati e dipendenti dagli aiuti. Ora non ci sono mucche perché sono state razziate dalle comunità vicine. Anche se il figlio di qualcuno è malato o affamato, non c'è niente che possiamo dargli da mangiare. Non c'è assolutamente nulla" ha detto Mary.

In tutto il Sud Sudan Save the Children sta curando migliaia di bambini affetti da malnutrizione acuta, con il personale che segnala un numero crescente di bambini che arrivano alle cliniche in situazioni potenzialmente letali. Solo negli ultimi tre mesi, Save the Children ha diagnosticato 7.342 casi di neonati con malnutrizione acuta grave (SAM), di cui 4.219 sono stati ricoverati in ospedale per il trattamento.

“La nascita di una nuova nazione è spesso un momento di speranza e gioia per molte delle persone che vivono al suo interno, ma purtroppo questa promessa deve ancora essere mantenuta nel Sud Sudan. In molti modi, le cose sono peggiorate per i bambini da quando il Paese è stato formato nel 2011. La guerra civile e gli shock climatici hanno tutti contribuito a spingere il Sud Sudan lontano da dove dovrebbe essere, dieci anni dopo. Il Sud Sudan non è solo una storia di conflitto. È una storia di generazioni di spostamenti deliberati di civili, distruzione di mezzi di sussistenza e occupazione della terra, aggravata da shock climatici come inondazioni senza precedenti e piaghe di locuste, e una storia di COVID-19 e la sua distruzione di infrastrutture sociali già vulnerabili. Solo affrontando le cause profonde di questa crisi, oltre a mitigare gli effetti devastanti della pandemia, saremo in grado di impedire che una generazione soccomba alle conseguenze immediate e a lungo termine della malnutrizione” ha dichiarato Rama Hansraj, Direttore di Save the Children in Sud Sudan.

Save the Children chiede ai governi donatori di finanziare interamente il Piano congiunto di risposta umanitaria per il Sud Sudan e di investire in schemi di protezione sociale e servizi per i bambini. Per porre veramente fine alla fame in Sud Sudan, la comunità internazionale deve affrontare le cause profonde dell'acuta insicurezza alimentare, tra cui trovare una soluzione sostenibile al conflitto, affrontare il cambiamento climatico globale e costruire comunità più resilienti.

Save the Children lavora con e per i bambini, le loro famiglie e comunità in Sud Sudan dal 1991. Fornisce ai bambini l'accesso all'istruzione, all'assistenza sanitaria e al supporto nutrizionale, e alle famiglie la sicurezza alimentare e l'assistenza per i mezzi di sussistenza. I programmi di protezione dell'infanzia dell’Organizzazione sostengono i bambini vulnerabili, compresi i minori non accompagnati, separati e quelli colpiti dalla violenza, oltre a sostenere i diritti dei bambini a livello nazionale, statale e comunitario.

In risposta all'attuale crisi, Save the Children sostiene economicamente le famiglie colpite dalla fame, promuovendo pratiche nutrizionali positive, di alimentazione di neonati e bambini piccoli e distribuendo assistenza alimentare di emergenza. Sta anche fornendo supporto per l'allattamento al seno alle neomamme, sverminazione e integrazione di vitamina A, campagne nutrizionali e attività promozionali su migliori pratiche di alimentazione.

*Nomi modificati per proteggere le identità

Contenuti correlati