Unicef Afghanistan Kandahar
Emergenze

Unicef sulla crisi in Afghanistan: «i bambini stanno pagando il prezzo più alto»

31 Agosto Ago 2021 1054 31 agosto 2021
  • ...

«Sono quasi 10 i milioni di bambini che hanno un disperato bisogno di aiuti umanitari», dice Hervé Ludovic De Lys, rappresentante dell'Unicef in Afghanistan. «Continuo a sentire notizie preoccupanti: bambini non accompagnati in tutto l'Afghanistan, minori reclutati da gruppi armati. Tutto questo in un anno in cui più di 550 bambini sono stati uccisi e più di 1400 feriti. Questa è una crisi di protezione dell'infanzia in un Paese che è già uno dei posti peggiori sulla terra per essere un bambino»

"Oggi in Afghanistan ci sono quasi 10 milioni di bambini che hanno un disperato bisogno di aiuti umanitari. I meno responsabili di questa crisi stanno pagando il prezzo più alto - compresi i bambini, uccisi e feriti in una serie di atrocità a Kabul da giovedì scorso”, dice Hervé Ludovic De Lys, rappresentante dell'UNICEF in Afghanistan.

“Gli eventi della scorsa settimana", continua Hervé Ludovic De Lys "hanno amplificato l'imperativo di proteggere i bambini più vulnerabili. Ne avete visti molti all'aeroporto - famiglie disperate che sollevavano i loro figli e figlie oltre il muro perimetrale; bambini disorientati persi nella folla. Quando abbiamo visto quelle scene, l'UNICEF Afghanistan ha immediatamente inviato all'aeroporto squadre di sicurezza e di protezione per i bambini. Hanno passato notte dopo notte a prendersi cura dei bambini che erano stati separati o abbandonati nel caos e nella disperazione dell'evacuazione. Sabato abbiamo riunito quei bambini con le loro famiglie. È stata una rappresentazione pratica, personale e toccante di ciò che l'UNICEF intende quando dice ‘nessun bambino lasciato indietro’”.

“Continuo a sentire notizie preoccupanti: bambini non accompagnati in tutto il paese... altre notizie di gravi violazioni, come i bambini reclutati da gruppi armati. Tutto questo in un anno in cui più di 550 bambini sono stati uccisi e più di 1400 feriti. Questa è una crisi di protezione dell'infanzia in un paese che è già uno dei posti peggiori sulla terra per essere un bambino. In un contesto di conflitto e insicurezza, i bambini stanno vivendo in comunità in cui l’acqua sta finendo a causa della siccità. Mancano i vaccini salvavita, compreso quello contro la polio, una malattia che può causare paralisi a vita per i bambini. Molti sono così malnutriti che giacciono in letti d'ospedale, troppo deboli per afferrare un dito teso”.

Questi bambini sono privati del loro diritto a un'infanzia sana e protetta. È per ognuno di questi bambini che l'UNICEF rimane. Siamo in Afghanistan da 65 anni e ci siamo per fornire aiuti essenziali e dare servizi ai più bisognosi. Lo stiamo facendo attraverso i nostri 5 uffici di zona in tutta la nazione e la nostra rete di partner - dagli anziani della comunità e i gruppi di donne e alle aziende per il trasporto, aziende su cui facciamo affidamento per portare i rifornimenti dal Pakistan. Abbracciando la tecnologia, invece di dare alle comunità quello che pensiamo che vogliano, l'UNICEF Afghanistan sta usando U-Report, un servizio gratuito tramite messaggi di testo, che ci permette di chiedere loro di cosa hanno bisogno. Giovedì scorso, più di 100.000 persone, 15.000 delle quali ragazze, ci hanno detto che la cosa più importante che potremmo fare per loro è fornire assistenza in denaro. Quindi questa è una delle risposte su cui l'UNICEF Afghanistan sta lavorando. Il denaro contante dà alle persone il potere di scegliere ciò di cui hanno più bisogno, mantenendo la loro dignità. E con l'inverno alle porte, forse una madre ha bisogno di cappotti caldi per i suoi figli o forse la famiglia comprerà polli, o forse le ragazze della famiglia hanno bisogno di più libri scolastici”.

“L'UNICEF ha sempre lottato e lotterà sempre affinché tutte le ragazze in Afghanistan, comprese quelle con disabilità, possano frequentare la scuola primaria e secondaria, e andare all'università se lo desiderano. E mentre le famiglie vulnerabili dicono all'UNICEF di quali beni e servizi di base hanno bisogno, siamo preoccupati per le notizie sui donatori internazionali che tagliano o sospendono gli aiuti al paese - non solo per l'UNICEF ma anche per altre agenzie umanitarie. Siamo anche preoccupati di garantire la sicurezza necessaria per realizzare i programmi a livello nazionale, specialmente per il nostro staff nazionale femminile. Quindi, esortiamo tutti i partner a sostenerci mentre diamo la priorità al nostro piano in scala, che include: Fornire cliniche sanitarie mobili in modo che le famiglie che migrano possano ricevere cure mediche; Vaccinare i bambini contro la polio e altre malattie prevenibili da vaccino, e vaccinare le persone contro il COVID-19; Curare i bambini con malnutrizione acuta grave; Consegnare acqua alle aree colpite dalla siccità e distribuire kit per l'igiene; Preparare i bambini per la scuola, e la scuola per i bambini, per il nuovo inizio del mese prossimo. La nostra ambizione è quella di raggiungere 300.000 bambini, di cui più della metà sono bambine, attraverso classi su base comunitaria, in aree in cui prima non c'erano scuole”.

Credit Foto Unicef

Contenuti correlati