Foto Amref
Covid19

In Africa solo il 2,7% della popolazione ha ricevuto due dosi di vaccino

1 Settembre Set 2021 1154 01 settembre 2021
  • ...

Ai ritmi attuali per raggiungere il 60% della popolazione si impiegherà oltre tre anni. Ma il rischio che la pandemia globale non si arresti passa anche da una campagna di vaccinazione mondiale diffusa in maniera diseguale che non riesce a impedire la moltiplicazione delle varianti. Per supportare la campagna vaccinale in quattro Paesi africani, Amref lancia la campagna di raccolta fondi “Un vaccino per il bene di tutti” che si può sostenere dal 1 al 26 settembre

La corsa contro il tempo per la vaccinazione contro il Covid19 rischia di essere compromessa da campagne vaccinali che nel mondo procedono a rilento e in modo disomogeneo. La comunità scientifica e l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) si dicono preoccupate per l'Africa e il rischio di aumento e moltiplicazione delle varianti del virus. Amref - più grande ong africana ad occuparsi di salute in Africa - con la campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi "Un Vaccino per il bene di tutti" vuole contribuire all'accesso alle vaccinazioni anti Covid19 in Kenya, Uganda, Zambia e Malawi. Dal 01 al 26 settembre si potrà sostenere la campagna chiamando da rete fissa o inviando un sms solidale al numero 45583. A supporto della campagna hanno già aderito Mauro Biani, Carolina Benvenga, Giobbe Covatta, Caterina Murino, Bianca Nappi, Pif, Max Sirena, Giovanni Soldini, Dario Vergassola.

L'Africa è in fondo alla classifica dei Continenti, per popolazione vaccinata: circa il 2,7% la percentuale di persone vaccinate con due dosi. Intanto, a fine agosto, il 27% della popolazione mondiale risulta completamente vaccinata, mentre in Europa oltre il 47%, in Usa il 51% e in Cina il 62%. L’OMS si dice preoccupata: oltre il 70% dei Paesi africani non raggiungerà l'obiettivo che ci si era dati, arrivare a settembre 2021 con il 10% della popolazione vaccinata. Ai ritmi attuali per raggiungere il 60% della popolazione l'Africa impiegherà oltre tre anni. Infatti, secondo una recente stima, solo 6 Paesi africani su 54, nel 2023, avranno raggiunto un’ampia copertura vaccinale.

"Se l'Africa rimane indietro sul fronte dei vaccini, c'è il rischio che diventi più difficile controllare la trasmissione del virus e l'elevata possibilità che si sviluppino varianti in grado di compromettere l'efficacia dei vaccini – afferma Guglielmo Micucci, Direttore di Amref Health Africa-Italia – la comunità internazionale ha la responsabilità di affrontare queste disuguaglianze nella distribuzione, nella produzione, che generano povertà in salute. Dobbiamo formare il più in fretta possibile migliaia di operatori sanitari, affinché siano in grado di rassicurare la popolazione e abbattere l’esitazione vaccinale, gestire e amministrare le scorte di vaccini, somministrare le dosi in sicurezza".

Dall'inizio della pandemia Amref ha raggiunto oltre un milione di persone, ha formato più di 100.000 operatori sanitari sulle misure di prevenzione e gestione del COVID-19 e ha fornito oltre 40mila dispositivi di protezione individuale. Ha equipaggiato i suoi Flying Doctors –“medici volanti”, in servizio su piccoli aeroplani, per raggiungere le zone remote - dotandoli di capsule per il trasferimento dei malati più gravi.

Con la campagna “Un vaccino per il bene di tutti”, Amref intende rafforzare il suo impegno per un programma di vaccinazione di massa in quattro Paesi dell’Africa subsahariana. In Kenya saranno formati 1.500 operatori sanitari sulla gestione e somministrazione del vaccino, anche tramite una piattaforma che usa i cellulari. In Uganda 5,7 milioni di persone saranno raggiunte attraverso l'impegno di Amref a supporto della campagna vaccinale. Riceveranno sostegno oltre 1.200 strutture sanitarie in Kenya e Zambia e 6.000 operatori sanitari di comunità coinvolti e formati in Malawi.

Sarà possibile donare al numero solidale 45583 per il periodo 01-26 settembre 2021. Il valore della donazione sarà di 2 euro per ciascun SMS inviato da cellulari Wind Tre, TIM, Vodafone, Iliad, Poste Mobile, Coop Voce, Tiscali. Sarà di 5 euro anche per ciascuna chiamata fatta allo stesso numero da rete fissa TWT, Convergenze e Poste Mobile e di 5/10 euro per ciascuna chiamata fatta allo stesso numero da rete fissa TIM, Vodafone, Wind Tre, Fastweb e Tiscali. La campagna di donazione tramite numero solidale sarà trasmessa dal 01 al 26 settembre su La7, Mediaset e Rai (in tre periodi diversi). Dal 03 al 10 Ottobre sarà Sky a presentare la campagna di Amref e si potrà donare, non più con numero solidale, ma tramite Iban e online (tramite il sito www.amref.it).

Contenuti correlati