Patricia Prudente Famiglia Unsplash
AiBi

A Cagliari e Bolzano apre uno sportello gratuito per le famiglie adottive

18 Ottobre Ott 2021 1423 18 ottobre 2021
  • ...

Partono due nuovi servizi di ascolto per le famiglie accoglienti all’interno della rete dei Pan di Zucchero Ai.Bi., con la collaborazione di Faris e grazie al contributo della Provincia Autonoma di Bolzano e della Regione Sardegna

A Bolzano e a Cagliari dal 18 ottobre ci sono due nuovi sportelli di ascolto gratuiti, dedicati alle famiglie. Gli sportelli, realizzati grazie ai contributi della Provincia Autonoma di Bolzano e della Regione Sardegna, sono inseriti nella rete dei Centri “Pan di Zucchero” di Ai.Bi. con la collaborazione del Faris – Family Relationship International School.

I Pan di Zucchero sono i Centri Servizi alla Famiglia di Ai.Bi., sono dislocati su tutto il territorio nazionale e sono attivi da oltre 10 anni: forniscono spazi di formazione, accompagnamento, incontro, mutuo aiuto per famiglie, in particolare adottive, affidatarie o vulnerabili. Attraverso i questi centri Ai.Bi. aiuta a prevenire e contrastare la povertà relazionale ed educativa di bambini e adolescenti in difficoltà.
Negli anni, i Pan di Zucchero sono diventati un punto di riferimento per bambini, adolescenti e famiglie che qui trovano sostegno psicologico, educativo e scolastico, spazi di crescita e opportunità di costruire relazioni. Non manca il supporto materiale alle famiglie in difficoltà economica attraverso l’acquisto di materiale educativo e ceste alimentari donate da aziende produttrici in una logica di contrasto allo spreco alimentare. Anche durante la pandemia i Pan di Zucchero sono stati un “faro” per il territorio, proponendo attività di didattica a distanza (aiuto compiti e supporto scolastico per bambini con difficoltà di apprendimento, bambini stranieri di recente immigrazione) ed educative da remoto.

I due nuovi sportelli aggiungono un ulteriore servizio di aiuto alle famiglie, incentrato in particolare sui temi dell’adozione tanto cari ad Ai.Bi: anche in questo caso si tratta di un servizio totalmente gratuito, rivolto alle coppie che vorrebbero intraprendere il percorso dell’adozione, alle coppie che stanno facendo i colloqui con i servizi, alle coppie in attesa e alle famiglie che si sono già formate (figli e adulti). Le consulenze sono fornite da due esperte psicologhe e psicoterapeute: Marcella Griva a Bolzano ed Elisa Sciommarello a Cagliari. Non si tratta di un percorso di psicoterapia: le coppie potranno avere un sopporto psicologico e una iniziale risposta a eventuali dubbi, domande, problemi che coinvolgono la loro esperienza di genitori adottivi o aspiranti tali. Il servizio viene effettuato su appuntamento, sia di persona sia online (Zoom o Skype); basta mandare una mail agli indirizzi cagliari@aibi.it e bolzano@aibi.it.

Foto Unsplash