Eleonora K2uq0d Kctl4 Unsplash
Giornata Internazionale

A Milano, una marching band dei ragazzi

17 Novembre Nov 2021 1821 17 novembre 2021
  • ...

Con un giorno di anticipo la scuola media di via Vivaio celebra i diritti per l’infanzia e l’adolescenza in modo originale: con una marcia in musica. L'iniziativa, in programma il 19 novembre, cui partecipano studenti, insegnanti e famiglie sarà sostenibile: al posto dei volantini, dei cartelli con il QR code per leggere le motivazioni del gesto sul proprio smartphone

Anche quest’anno la scuola media per ciechi di via Vivaio ha deciso di celebrare la Giornata dei diritti per l’infanzia e l’adolescenza. E lo farà venerdì 19 novembre. Partirà, infatti, da via Vivaio, la marcia musicale, chiamata “marching band”, fatta da ragazzi, insegnanti e genitori della scuola per sostenere i diritti troppo spesso calpestati di bambini e ragazzi.

La Giornata Mondiale per i diritti dell’infanzia e dell’adolescenza è stata sancita dall’Onu e si celebra il 20 novembre di ogni anno, ma essendo quest’anno un sabato la scuola ha deciso di anticipare l’iniziativa a venerdì.

Si parte alla ore 15 da via Vivaio per finire alle ore 16 circa in Piazza della Scala. Ci saranno striscioni colorati realizzati dai ragazzi, che indosseranno mascherine con i colori dell’arcobaleno e coroncine luminose.

Per essere super sostenibili, non saranno stampati volantini, ma i ragazzi mostreranno alcuni cartelli con un QR code: chi vorrà sapere di più sulle motivazioni della manifestazione, potrà inquadrarlo e leggere tutte le informazioni.

Bambini e ragazzi sognano, giocano, immaginano: quindi sono state scelte 2 canzoni speciali per accompagnare la manifestazione: “Bambini” di Paola Turci e “Imagine” di John Lennon. Genitori, insegnanti e ragazzi suoneranno e canteranno insieme. Chi vorrà, potrà unirsi alla marcia musicale, aumentando le voci e il volume di questa importante celebrazione!

Annunciando l'iniziativa vengono ricordate le parole del Maestro Claudio Abbado: “La musica non è importante per i bambini per farli diventare musicisti, ma per insegnare loro ad ascoltare e, di conseguenza, ad essere ascoltati”.

Tutta la manifestazione avverrà nel rispetto delle regole Covid

in apertura photo by eleonora on Unsplash

Contenuti correlati