Ipovedenti BII ONLUS
Disabilità

Ipovedenti: arriva in Senato la campagna "Lettura senza barriere"

29 Novembre Nov 2021 1904 29 novembre 2021
  • ...

Depositato oggi dalle senatrici Paola Boldrini e Ornella Vanin un emendamento per inserire in Finanziaria fondi strutturali a favore della Biblioteca Italiana Ipovedenti. In Italia sono 1 milione e 700 mila le persone che hanno problemi alla vista, con una minorazione irreversibile della funzione visiva

Sono 1 milione e 700 mila le persone con diagnosi di ipovisia in Italia. A queste andrebbero aggiunti gli over 65, che per senilità hanno problemi alla vista - presbiopia, cataratta, glaucoma, degenerazione maculare - e gli adolescenti discalculici e dislessici, con vulnerabilità di mobilità dell'occhio spesso confusa con disturbo del comportamento. Il problema è sociale ma a sollevarlo è la politica.

È stato infatti depositato oggi, 29 novembre, da Paola Boldrini, Vice Presidente della Commissione Sanità, un emendamento - sottoscritto insieme alla collega Ornella Vanin - con cui si chiede di inserire in Finanziaria fondi strutturali per la Biblioteca Italiana Ipovedenti. Nata a Treviso nel 2009, con la legge 138 del 2001, la B.I.I Onlus "adegua" testi in caratteri, front e versione audio per donarli poi gratuitamente alle biblioteche, alle rsa, alle carceri, alle scuole. Per gli ipovedenti si parla infatti di lettura facilitata. L'obiettivo è dunque consentire alla B.I.I Onlus di dare seguito a un lavoro prezioso e inclusivo.
«Gli ipovedenti sono infatti esclusi dal piacere e diritto della lettura e dalla possibilità di auto informarsi e potenziare la propria personale cultura. E rischiano lo stigma e l'emarginazione», la sintesi di Boldrini e Vanin. Per Boldrini, strettissimo è infatti il rapporto «salute e cultura». Come spiega Giuseppe Marinò, Presidente B.I.I, vanno sollecitate le case editrici o a pubblicare una quota di testi dedicati o a donarli alla B.I.I affinché possa renderli accessibili. Il vulnus da superare sta nel diritto d'autore.

Proprio dalla Sala Nassirya del Senato è partita nei giorni scorsi la campagna di sensibilizzazione 'Letture senza barriere', che mira a coinvolgere il comparto editoriale. Presenti in Senato, per l'illustrazione del progetto, La Nave di Teseo, con l'adeguamento di Disadorna, del Ministro Dario Franceschini, e la Giraldi Editore, con Giramondo, del giornalista Gianluigi Schiavon, entrambi adeguati dalla B.I.I. Rappresentata per l'occasione da Stefano Eco, figlio di Umberto, La Nave di Teseo ha confermato la disponibilità a continuare nel solco indicato e ha espresso «la necessità di coinvolgere l'AIE» (Associazione Italiana Editori); Giraldi, per voce del direttore editoriale, Rossella Bianco, ha insistito su «un senso di responsabilità che implica anche sfruttare tutti gli strumenti tecnologici a disposizione».

Ad oggi, la B.I.I dispone di un catalogo di circa 100 titoli, tra classici, religiosi, saggistica, per ragazzi. Passando per Ti prendo e ti porto via, di Niccolò Ammaniti e Il desiderio di essere come tutti, di Francesco Piccolo. Testi comunque non recenti, che riducono l'offerta. Un gap anch'esso da superare. La B.I.I Onlus ha lavorato negli ultimi 6 anni 120mila libri distribuiti a 1500 strutture. E se la politica può farsene carico istituendo risorse, l'appello è alle case editrici, affinché tengano conto di «questa fetta importante della popolazione. L’approvazione dell’emendamento ci consentirebbe di ampliare i titoli, raggiungendo una maggiore platea», la chiosa di Marinò. In Italia, tra biblioteche e sistemi bibliotecari, aderiscono al progetto B.I.I, 'Leggere facile, leggere tutti', 1992 strutture.

L'ipovisione è una riduzione significativa della funzione visiva che non po’ essere corretta da occhiali, lenti a contatto, chirurgia. È una minorazione irreversibile della funzione visiva centrale e/o periferica. Ha effetti in tutte le dimensioni del vivere quotidiano, da quella lavorativa all’autonomia in generale. Ogni dimensione, come sempre avviene, è accompagnata dallo stigma, che porta emarginazione. I casi sono in crescita per due motivi principali: aumento dell'età media della popolazione e aumento capacità di diagnosi. La legge, 138/2001, distingue gli affetti in gravi, medio gravi, lievi, con residuo visivo che non supera rispettivamente 1/10, 2/10, 3/10.

Contenuti correlati