Dibattiti

La cancel culture prende di mira la filantropia?

19 Gennaio Gen 2022 1203 19 gennaio 2022

Sul Wall Street Journal si apre il dibattito sulla liceità di una campagna che chiede al più grande Fondo di donatori statunitense di limitare le cause che i cittadini possono scegliere secondo principi di una parte politica e di rendere pubblici i nomi dei donatori

  • ...
Fidelity
  • ...

Sul Wall Street Journal si apre il dibattito sulla liceità di una campagna che chiede al più grande Fondo di donatori statunitense di limitare le cause che i cittadini possono scegliere secondo principi di una parte politica e di rendere pubblici i nomi dei donatori

“Gli americani sono sempre stati liberi di dare alle cause senza scopo di lucro in cui credono, ma gli attivisti politici sono determinati a limitare questa libertà. Considerando il record di questi attivisti nel convincere con successo le corporazioni a fare i loro interessi su una serie di questioni, chiunque sostenga le tradizioni americane di libera parola, libera associazione e privacy dovrebbe essere preoccupato”, è una prosa diretta quella di Jeremy D. Tedesco, consigliere senior e vicepresidente senior dell'impegno aziendale per Alliance Defending Freedom. che sul WSJ di ieri nella pagina opinioni attacca la campagna “Smascherare Fidelity”, una coalizione di gruppi che ha recentemente consegnato una lista di richieste a Fidelity Charitable, che gestisce un fondo consigliato dai donatori attraverso il quale i titolari dei conti possono indirizzare i contributi alle loro organizzazioni non profit preferite. Secondo il suo sito web, Fidelity Charitable ha distribuito 9,1 miliardi di dollari nel 2020, rendendolo il più grande creatore di sovvenzioni degli Usa.

Nella lista dei deiderata di Unmasking Fidelity c'è una richiesta per Fidelity Charitable di rivelare cinque anni di contributi a 10 organizzazioni, tra cui l’organizzazione pro life Family Research Council, l’associazione che che supporta le proteste postelettorali negli Stati Uniti d'America del 2020-2021 Turning Point USA e gruppo di difesa cristiano conservatore senza scopo di lucro Alliance Defending Freedom. Queste sono organizzazioni con le quali gli attivisti non sono d'accordo su una varietà di questioni scottanti. Smascherare Fidelity sta anche chiedendo che Fidelity Charitable imponga dei principi all'ingresso basati sul loro punto di vista, per selezionare gli enti di beneficenza e le cause che i suoi titolari di conti possono sostenere. Principi che ostacolerebbero i gruppi conservatori.

“Non importa cosa pensiate delle questioni del giorno, tutti dovrebbero opporsi a questa censura. Una cultura filantropica politicizzata, in cui le richieste di una parte superano le intenzioni di un donatore - e persino espongono i donatori a molestie - è pericolosa per le persone di ogni convinzione politica”, scrive Tedesco.

l'illustrazione del WSJ

Continua Tedesco: “Tutti noi, ma soprattutto Fidelity Charitable (date le diverse opinioni dei loro titolari di fondi consigliati dai donatori), dovremmo sostenere una sana cultura filantropica. Tale cultura è caratterizzata da almeno due caratteristiche principali. La prima è il rispetto dell'intento del donatore. I donatori devono essere liberi di dare a qualsiasi causa scelta. In questo modo, le donazioni caritatevoli contribuiscono significativamente a un fiorente e aperto mercato delle idee, che è essenziale per mantenere una società libera e guidare i miglioramenti sociali.

Il secondo è il rispetto della privacy del donatore. Richiedere alle organizzazioni non profit di rivelare i loro donatori non solo espone i donatori esistenti alla perdita di privacy e alla minaccia di molestie; scoraggia anche le donazioni di beneficenza e la partecipazione al mercato delle idee.

Questo è precisamente ciò che Unmasking Fidelity spera che accada. Il gruppo vuole distruggere la cultura caritatevole unica del paese, che ha reso gli americani la popolazione più generosa del mondo. E se un leader filantropico come Fidelity Charitable capitola, accelererà quella distruzione, poiché molte altre istituzioni probabilmente seguiranno il suo esempio. Coloro che hanno a cuore la libertà filantropica non sono disposti a stare a guardare mentre Unmasking Fidelity spoglia gli americani dei loro diritti di libertà di parola, libera associazione e privacy. Ecco perché più di 1.800 consulenti finanziari, professionisti dell'investimento e leader no-profit hanno firmato una lettera che sollecita la leadership di Fidelity Charitable a rifiutare la richiesta di Unmasking Fidelity di servire come un blocco stradale per le donazioni benefiche. Fidelity Charitable dovrebbe mantenere il suo impegno di essere "neutrale alla causa" e di astenersi dal limitare "le sovvenzioni... a specifiche organizzazioni basate su motivi politici, religiosi o filosofici". La strada da seguire per Fidelity Charitable e altre istituzioni che offrono fondi consigliati dai donatori è quella di permettere ai titolari di conti di donare a qualsiasi organizzazione riconosciuta e senza scopo di lucro, di proteggere la privacy dei donatori”.

Il dibattito negi Stati Uniti si è acceso, sono numerose le organizzazioni che hanno presentato memorie che sollecitano l'alta corte a proteggere la privacy dei donatori - dall'American Civil Liberties Union al Proposition 8 Legal Defense Fund; dal Council on American-Islamic Relations alla Zionist Organization of America; da Feeding America-Eastern Wisconsin alla PBS Reno. Persino il Southern Poverty Law Center - un agitatore primario per espandere la cultura della cancellazione alle donazioni di beneficenza - ha presentato un documento a sostegno della privacy dei donatori.

Contenuti correlati