Campagne

Parte dal sud la campagna #abbraccioperlapace

3 Marzo Mar 2022 1715 03 marzo 2022

A Benevento attivi già tre tavoli. A Salerno l’arcivescovo di Salerno Bellandi e il presidente della Fondazione di Comunità Autuori: «È da piccoli gesti come aderire a questa campagna che possiamo immaginare di costruire un mondo migliore. Per tutti. Ci aspettiamo anche sul nostro territorio che ci siano fratelli ucraini e russi, presso la sede della Fondazione, insieme vogliono costruire con piccoli gesti la pace per evitare che l’odio possa conquistare le due comunità nelle nostre città dividendole ancora»

  • ...
8Dc96750 9E32 481C B17a C66f50fcef77
  • ...

A Benevento attivi già tre tavoli. A Salerno l’arcivescovo di Salerno Bellandi e il presidente della Fondazione di Comunità Autuori: «È da piccoli gesti come aderire a questa campagna che possiamo immaginare di costruire un mondo migliore. Per tutti. Ci aspettiamo anche sul nostro territorio che ci siano fratelli ucraini e russi, presso la sede della Fondazione, insieme vogliono costruire con piccoli gesti la pace per evitare che l’odio possa conquistare le due comunità nelle nostre città dividendole ancora»

A Benevento affisso sull'ingresso della sede del Consorzio Sale della terra ecco il cartello che indica che lì si sta allestando un Tavolo di dialogo per la pace (qui la spiegazione). A Benevento già tre i luoghi attivi.

Altra foto ci arriva da Salerno dove la Fondazione della Comunità Salernitana e l’arcidiocesi di Salerno Campagna Acerno aderiscono all’iniziativa “Abbracci per la pace” promosso da oltre 100 organizzazioni della società civile che lanciano la campagna #abbraccioperlacepace.

Come detto dai promotori nazionali “non possiamo fermarci nel manifestare solidarietà al popolo invaso, dobbiamo rispondere alle parole e ai gesti di guerra con l’accoglienza e con un’azione simmetrica ma di pace, di peacekeeping dal basso. Provocare e cercare la pace casa per casa, città per città, qui in Italia, senza aspettare altro tempo per vedere come si evolverà l’occupazione”.

La Fondazione della Comunità Salernitana, ospite dell’Arcidiocesi di Salerno – Campagna e Acerno, a Salerno a Palazzo Vitagliano ha messo a disposizione un luogo – una stanza della propria sede istituzionale – come hanno fatto già tante organizzazioni nel nostro paese, a partire da stamattina, per alimentare in ogni città momenti di confronto e di dialogo tra le comunità ucraine e le comunità russe presenti sul territorio della provincia di Salerno, perché non smettano di parlarsi, perché continuino a scambiarsi notizie ed aiuti reciproci, perché chi ha la fortuna di non dover imbracciare un fucile, mentre il rumore degli spari sopra si fa sentire, continui ad abbracciarsi.

“Per costruire la pace è necessario costruire cittadini attivi che abbiamo a cuore il futuro dell’intera umanità” dichiarano congiuntamente l’arcivescovo Bellandi e il presidente Autuori “è da piccoli gesti come aderire a questa campagna possiamo immaginare di costruire un mondo migliore. Per tutti. Ci aspettiamo anche sul nostro territorio ci siano fratelli ucraini e russi, presso la sede della Fondazione, insieme vogliono costruire con piccoli gesti la pace per evitare che l’odio possa conquistare le due comunità nelle nostre città dividendole ancora”.

A Benevento attivi già tre tavoli, nella foto di cover, l'ingresso del Consorzio Sale della Terra.

Con il sostegno di:

Contenuti correlati