2022 03 Banca De Alimente Moldavia (4)
Solidarietà

Ucraina, i Banchi Alimentari europei estendono i loro sforzi

10 Marzo Mar 2022 1056 10 marzo 2022
  • ...

Continua l'invio di aiuti sia in Ucraina sia nei Paesi di arrivo dei profughi in particolare in Moldavia, mentre i Banchi Alimentari nazionali proseguono la loro ordinaria attività a favore delle organizzazioni caritative che assistono le persone in difficoltà nei loro Paesi. In corso la campagna internazionale #AllTogether4Ukraine lanciata dall’European Food Banks Federation che ha raccolto a oggi 1,8 milioni di euro da aziende, fondazioni, organizzazioni, membri Feba e privati

«Siamo colpiti e profondamente commossi dall'impegno dei nostri membri e di tutti coloro che ci stanno aiutando», ha detto Jacques Vandenschrik, presidente della European Food Banks Federation. «Tuttavia, abbiamo bisogno di più aiuto. C'è bisogno di cibo in Ucraina e in Moldavia. Abbiamo bisogno di cibo non deperibile, cibo per bambini, cibo pronto da mangiare e acqua. Abbiamo anche bisogno di fondi per consegnare il cibo e rafforzare la nostra logistica. Chiediamo a tutti di unirsi alla nostra campagna #AllTogether4Ukraine». Il 7 marzo la Conferenza dei presidenti della European Food Banks Federation (Feba) si è riunita per raccogliere aggiornamenti dai membri più colpiti dalla crisi in Ucraina condividendo le informazioni sulla campagna #AllTogether4Ukraine e sulle azioni intraprese.

Tutti i membri Feba (tra cui Fondazione Banco Alimentare onlus) sono mobilitati mentre la situazione sta rapidamente cambiando e diventando più drammatica, soprattutto in Ucraina e Moldavia. La Kiev City Charity Foundation "Food Bank" in Ucraina è ancora in funzione a Kiev e aiuta l'ospedale che è senza cibo. A Kiev le ultime scorte di cibo si stanno esaurendo. Il Banco Alimentare ha anche creato due centri temporanei di ridistribuzione a Chernivsti e Leopoli, dove Toidupank, membro Feba in Estonia, ha consegnato 33 pallet di cibo. Due camion di cibo arriveranno a Chernivsti. Banca de Alimente in Moldavia sta aiutando i rifugiati che stanno fuggendo, oltre a ridistribuire cibo agli enti di beneficenza ucraini vicino a Odessa. Banca pentru Alimente in Romania e Federacja Polskich Banków Żywności in Polonia stanno fornendo cibo ai rifugiati e consegnando cibo all'Ucraina a Chernivsti e Leopoli.

Lanciata il 1 marzo, la campagna #AllTogether4Ukraine mira ad aiutare il popolo ucraino sostenendo i membri Feba in Ucraina e nei Paesi vicini come Ungheria, Moldavia, Polonia, Romania e Slovacchia.


Nella cartina i Banchi alimentari membri della Feba in prima fila - fonte Feba

Al momento Feba ha raccolto 1,8 milioni di euro da aziende, fondazioni, organizzazioni, membri Feba e privati. Questo importo è destinato a sostenere i membri della federazione colpiti dalla crisi per un mese con consegne settimanali di cibo per garantire cibo sufficiente ma senza gravare sulla gestione logistica del cibo ricevuto. 435mila euro sono stati destinati alla consegna di cibo al membro Feba in Romania, Federația Băncilor pentru Alimente din România (Fbar) che fungerà da hub per la federazione per ridistribuire il cibo agli ucraini a Chișinău in Moldavia, dove le stime prevedono l'arrivo di 200mila rifugiati.
Il cibo sarà ridistribuito alla Banca pentru Alimente a Bucarest, Cluj, Brasov, Oradea e Roman in Romania, dove sono presenti 95mila rifugiati dei 285mila entrati nel Paese. 190mila rifugiati, invece, hanno già proseguito verso altri Paesi dell'Europa occidentale. Il cibo raggiungerà anche Chernivsti, Leopoli e Odessa in Ucraina. Feba sta anche sostenendo l'acquisto urgente di attrezzature per la movimentazione del cibo e il finanziamento di altri costi logistici (un magazzino a Chișinău in Moldavia, 6 furgoni, 6 attrezzature elettriche di movimentazione, personale temporaneo), in Moldavia e Romania per garantire una logistica efficiente di questi sforzi inaspettati per aiutare i rifugiati e le loro normali attività quotidiane.
Feba inoltre ha mobilitato le imprese alimentari partner per ottenere aiuti e consegnare cibo ai suoi membri in Ucraina, Moldavia, Romania e Polonia.

Nelle immagini il trasporto degli aiuti da parte del Banco Alimentare in Moldavia - foto da Ufficio stampa

Contenuti correlati