Palazzo Normanni Palermo The Creative Commons CC0 1
Salute

Sicilia, accordo tra Aris e Regione sui tetti di spesa per la sanità privata

11 Luglio Lug 2022 1101 11 luglio 2022
  • ...

L'Associazione religiosa istituti socio-sanitari Sicilia ha chiuso un accordo per il biennio 2022-2023. Tra le importanti novità ricorda l’assessore alla Salute della Regione Sicilia Ruggero Razza «un nuovo principio: se il privato riesce ad erogare prestazioni di alta complessità, aggiuntive a quelle già previste, sarà coperto da un ulteriore budget». «Un primo passo concreto verso il riconoscimento del ruolo irrinunciabile della sanità privata» commenta il presidente Aris Sicilia Salvatore Vecchio

Chiuso l’accordo tra Aris Sicilia e l’assessore alla Salute della Regione Sicilia, Ruggero Razza, sui tetti di spesa e le risorse economiche per l’assistenza ospedaliera privata per il biennio 2022-2023. Il documento, firmato dall’assessore e dai rappresentanti delle associazioni dell’ospedalità privata Aris e Aiop, oltre a fissare i budget che l’ente distribuisce alle aziende convenzionate, stabilisce alcune importanti novità, proponendosi come punta di diamante di quel processo di rinnovamento del Servizio Sanitario Nazionale che l’emergenza causata dal Covid-19 ha mostrato essere improcrastinabile. Un rinnovamento che, come è stato riconosciuto in diverse occasioni pubbliche da esponenti governativi, - sottolinea una nota di Aris - deve essere basato sul riconoscimento che non può esserci sanità pubblica senza la sanità privata, come non può esserci sanità privata senza la sanità pubblica.

«Con questo accordo raggiungiamo un doppio obiettivo», ha detto commentando la firma congiunta con Aris e Aiop l’assessore Razza. «Da un lato, stabiliamo le risorse per i privati convenzionati, realtà che forniscono un contributo fondamentale in una logica di sinergia pubblico-privato, tutta a favore del cittadino. Dall’altro, istituiamo un nuovo principio: se il privato riesce ad erogare prestazioni di alta complessità, aggiuntive a quelle già previste, sarà coperto da un ulteriore budget. In questi anni siamo già riusciti a ridurre il numero dei siciliani che, per curarsi, erano costretti a spostarsi in altre regioni. Con questo provvedimento vogliamo anche abbatterlo ulteriormente. Il nostro territorio possiede risorse professionali e tecnologiche di grande livello, valorizzarle è un nostro dovere». Da quest’anno, al fine di abbattere la problematica delle lunghe liste d’attesa, il governo regionale guidato da Musumeci prevede una quota aggiuntiva di 7 milioni di euro. In secondo luogo, l’amministrazione stanzierà 25 milioni in più per le prestazioni di alta complessità erogate dal sistema delle case di cura private. Una misura pensata anche per evitare che i cittadini siciliani siano costretti a viaggiare fuori regione per ricevere assistenza di alto livello.

«Un primo passo concreto verso il riconoscimento del ruolo irrinunciabile della sanità privata, non profit nel caso delle strutture associate all’Aris, nel sistema salute del Paese», commenta il presidente regionale di Aris Sicilia, Salvatore Vecchio. «La testimonianza offerta dai nostri istituti nel momento più buio dell’emergenza sanitaria vissuta in questi anni, ha finalmente fatto capire l’importanza del contributo che possiamo dare al comparto sanitario dell’Italia. È arrivato il momento di ripensare al come tutelare al meglio la salute dei cittadini, costruendo su solide basi e con sincero spirito di collaborazione, quel mix di sanità pubblica e privata senza del quale non saremmo riusciti a venir fuori dall’emergenza che ha sconvolto il Paese. L’abbattimento dei tetti imposti ed una maggiore considerazione del ruolo insostituibile della sanità privata, no profit nel caso delle strutture associate all’Aris, avrà sicuramente una ricaduta positiva per accorciare, sino a farle scomparire, le liste d’attesa che affliggono i cittadini».

«È un provvedimento importante poiché consente di alleggerire ricoveri impropri, di tagliare le liste di attesa, di regolamentare il passaggio da regione a regione per prestazioni sanitarie e rendere effettivo la tanto desiderata integrazione tra pubblico e privato nel piano strategico dell’assistenza sanitaria ai cittadini italiani. Diamo atto all’assessore Razza di aver assunto una iniziativa destinata ad influire positivamente sul sistema sanitario regionale e nazionale», dice Domenico Arena, responsabile nazionale dei CdR Aris.

In apertura Palazzo dei Normanni Palermo, sede dell'Assemblea regionale siciliana - foto da the Creative Commons CC0 1.0 Universal Public Domain Dedication

Contenuti correlati