#Ucraina

Sclavi: «L'urgenza di un cessate il fuoco non cancelli l'obiettivo di un cessate la guerra»

14 Luglio Lug 2022 1233 14 luglio 2022

L'11 luglio nel salone d'onore del Municipio di Kiev, ha preso parola una delle animatrici del Movimento Europeo di Azione Nonviolenta, Marianella Sclavi. Ecco il suo intervento

  • ...
Marianella Sclavi
  • ...

L'11 luglio nel salone d'onore del Municipio di Kiev, ha preso parola una delle animatrici del Movimento Europeo di Azione Nonviolenta, Marianella Sclavi. Ecco il suo intervento

Onorata e commossa di questo incontro. Le emozioni sono molte:

l'ammirazione per la coraggiosa resistenza del popolo ucraino alla aggressione da parte del governo della Federazione Russa; Il dolore/ angoscia per le sofferenze, la distruzione la violenza che sta provocando. Lo smarrimento , il senso di fallimento, per non aver previsto questa aggressione ma anche la energia positiva e le speranze che acompagnano questo primo incontro tra Società Civile Italiana e Società Civile Ucraina sotto le insegne di un Movimento Europeo di Azione Nonviolenta. Questa mattina, qui nel municipio di Kiev, è la vera data di nascita di MEAN e in questo intervento desidero delineare le principali motivazioni di questo nuovo attore nella scena europea.

Vi racconto un episodio che mi tocca personalmente che ritengo molto pertinente. Ho un piccolo appartamento sulle dolomiti dove vado a sciare, e dalle sue finestre posso ammirare una bellissima grande montagna, la Marmolada, col suo maestoso ghiacciaio baciato alla mattina dal sole. Da tempo ci eravamo accorti che il ghiacciao andava riducendosi di anno in anno.. ma, pochi giorni fa, metà del ghiacciaio si è trasformato in una gigantesca slavina, che ha ucciso undici escursionisti, molti dei quali guide e professionisti esperti. I segni del cedimento erano tutti lì davanti ai nostri occhi, ma non siamo stati in grado di mobilitarci, attrezzarci e intervenire in tempo.

Questo vale per la montagna, vale per la pandemia, come per conflitti in corso da anni sia nella zone del Donbass che in generale nelle relazioni fra UE e Federazione Russa. I segni c'erano.

Se ben ci pensate siamo in un momento storico in cui veniamo in continuazione travolti da una serie di avvenimenti catastrofici che non abbiemo saputo prevedere e che non sappiano neppure come descrivere e ancor meno come porvi fine.

A cosa serve dunque la mobilitazione della società civile europea ?

Ciò che è evidente sotto i nostri occhi è che tutti i problemi del nostro tempo, dalla crisi finanziaria, a quella climatica, al controllo del cyberspazio, a quello dell'emigrazione forzata di intere popolazioni, sono problemi che nessun paese da solo è in grado di controllare e di gestire. Questa guerra non fa eccezione: è una questione che coinvolge direttamente, prima di tutto l'intero continente europeo e il governo della UE. E non a caso questa Europa, pur essendo ancora una sommatoria di singoli stati e governi, è sempre più spesso costretta ad agire come Stati Uniti di Europa pur senza esserlo.

È chiamata a prendere decisioni con dinamiche emergenziali in cortocircuito rispetto i regolamenti usuali, ogni volta alla rincorsa della specifica emergenza, ma senza il coraggio di trarne le conseguenze e premesse sistemiche. Senza una più lungimirante visione.

Al tempo stesso proprio questa guerra dimostra che questi governi e stati che si rifiutano di essere i promotori di un vero governo federale europeo, di un nuovo ordine europeo non sono affatto in controllo del loro territorio come pretendono.

Proprio nella necessità di reagire compattamente a questa guerra i paesi europei si scoprono dipendenti dalla Federazione Russa per l'energia, dalla Cina per l'economia e dagli USA per la difesa militare. L'intera ideologia che la reciproca dipendenza favorisce la collaborazione, si dimostra priva di fondamento e va sostituita da una interdipendenza fra territoti relativamente autonomi ( "a km zero..") per tutti i beni e servizi essenziali e con sistemi di rappresentanza politica a livello europeo al tempo stesso diretta e rispondente alle esigenze di democrazia partecipativa e delibarativa del mondo contemporaneo.

Le società civili europee devono essere messe in grado di incontrarsi e deliberare sui modi e tempi di una trasformazione della politica che dia corpo a governi e rappresentanze politiche che abbiano al centro i valori e le pratiche della sostenibilità e della sobrietà, accanto a quelle della trasparenza e inclusività.

L'invasione armata della Ucraina va letta come parte di questo quadro. Armi, sanzioni e aiuti umanitari sono tutte risposte indispensabili, ma sono tutte conseguenze di una guerra che era prevedibile e per evitare la quale le forze democratiche avrebbero dovuto compiere ogni sforzo utile negli anni precedenti al 2022.

È mancata una visione lungimirante di come i governi e i popoli possono costruire la pace a partere da situazioni di crisi , di conflittualità che rischia escalation, una visione accompagnata dalla strumentazioen operativa basata sulle specifiche competenze e i necessari finanziamenti.

Le due questioni di un immediato e onorevole "cessate il fuoco", e di un lungimirante e di lungo periodo "cessate la guerra" ( il ripudio della guerra previsto nella nostra costituzione italiana, scritta da protagonisti della resistenza sia armata che nonviolenta) sono collegate.

Tutto questo rende necessario e urgente un movimento in grado di mettere all' ordine del giorno la trasformazione del governo europeo da un governo di singoli stati a quello dei cittadini, un salto verso l'originario ideale degli Stati Uniti d'Europa.

E' nostra convinzione che una iniziativa del genere sarà molto più autorevole e in grado di smuovere le coscienze se le sedi principali che la promuoveranno saranno non Bruxelles o Strasburgo e neppure Roma o Parigi, ma Kiev, Leopoli, Kharkiv, Odessa

Dalla lotta del popolo ucraino viene il coraggio alla società civile di tutti i paesi europei di mobilitarsi per una rinascita dell'Europa.

Siamo impegnati a creare un movimento europeo di azione nonviolenta che in alleanza con la società civile ucraina. si propone di terremotare le resistenze al cambiamento, le miopie politiche, gli stili di pensiero rimasti bloccati al 19mo secolo, e costruire i presupposti per una Europa più forte, autonoma e autorevole in un mondo globalizzato.

Un'Europa in grado di svolgere il ruolo di costruttrice di pace sia al proprio interno che nelle relazioni internazionali, nei rapporti con gli altri continuenti.

Kiev Vitalji Klitschko con Ihor Torskyi di Action for Ukraine e Angelo Moretti portavoce di Mean

Contenuti correlati