Pexels Valiphotos 589802
UE

Foreste, la Commissione lancia consultazione pubblica europea

31 Agosto Ago 2022 2009 31 agosto 2022
  • ...

Nell’ambito di una proposta legislativa relativa a un nuovo quadro per il monitoraggio delle foreste, l'Unione europea sta raccogliendo i pareri di tutte le parti interessate su come valutarne e monitorarne lo stato, e sviluppare visioni strategiche. La consultazione è aperta a tutti i cittadini Ue

La Commissione europea ha avviato una consultazione pubblica online sull'imminente proposta legislativa relativa a un nuovo quadro dell'Ue per il monitoraggio delle foreste e i piani strategici. Lo scopo è sviluppare un quadro per l’osservazione forestale a livello dell'Ue, al fine di fornire libero accesso a informazioni dettagliate, accurate, regolari e tempestive sullo stato e sulla gestione delle foreste nell’Unione. Tutte le parti interessate sono invitate a condividere le loro opinioni partecipando alla consultazione, che rimarrà aperta fino al 17 novembre.

Virginijus Sinkevičius, Commissario per l'Ambiente, gli oceani e la pesca, ha dichiarato: «Le nostre foreste sono sottoposte a forti pressioni. Tutti noi abbiamo assistito agli incendi boschivi di quest'estate e, oltre ai cambiamenti climatici, le foreste subiscono la perdita di biodiversità, l'aumento dell'uso del suolo, i parassiti e l'intensificazione della deforestazione. Svolgono tuttavia anche un ruolo chiave nel rispondere a tali sfide. Questa nuova iniziativa sul monitoraggio delle foreste e sui piani strategici garantirà la disponibilità di informazioni tempestive e accurate sulle foreste dell'Ue, in modo che i responsabili politici, i silvicoltori e i gestori del territorio siano in grado di intervenire rapidamente e con decisione in risposta ai nuovi stress forestali».

Il Green Deal europeo invita ad agire per migliorare la quantità e la qualità delle foreste nell'Unione europea, così che l'Unione europea possa raggiungere la neutralità climatica e creare un ambiente sano. La nuova strategia dell'UE per le foreste per il 2030 ha definito la visione per un imboschimento efficace e per la conservazione e il ripristino delle foreste in Europa.

Destinatari della consultazione
Un'ampia gamma di parti interessate sarà invitata a fornire contributi, in particolare le autorità competenti degli Stati membri e delle regioni responsabili della silvicoltura, dell'ambiente, del clima, della pianificazione territoriale e urbana e delle statistiche; le Ong; le associazioni di imprese e di interesse, in particolare i proprietari e gestori di foreste, e i fornitori di servizi e tecnologie di monitoraggio sul campo e di telerilevamento; gli esperti, gli accademici e le istituzioni collegate; i cittadini in generale e le istituzioni/agenzie dell'Ue nonché le organizzazioni internazionali.

Oltre a migliorare il monitoraggio delle foreste, le informazioni raccolte mediante osservazione porteranno a processi decisionali maggiormente basati sui dati. Si prevede che ciò sarà fondamentale per aumentare la fiducia del pubblico nella gestione delle foreste, ridurre il disboscamento illegale, incentivare e premiare una gestione forestale più sostenibile e favorire l'adattamento delle foreste ai cambiamenti climatici.

Quest’iniziativa contribuirà inoltre a realizzare un'Europa pronta per l'era digitale, dal momento che consentirà ai cittadini, alle imprese e alle amministrazioni di avere accesso a dati armonizzati sulle foreste e di utilizzare al meglio le tecnologie digitali.

Foto: Valiphotos/Pexels

Contenuti correlati