Calabria

Un campo estivo per rientrare a scuola carichi di energia

10 Settembre Set 2022 1512 10 settembre 2022

Tornare su banchi di scuola pieni dei colori e delle risate del propri coetanei, ma anche avendo vissuto un'esperienza fortemente educativa. Più di 50 i bambini di età compresa tra i 3 ei i 17 anni per i quali il Comune di Cinquefrondi, in provincia di Reggio Calabria, ha pensato un campo estivo qualche giorno prima del suono della campanella

  • ...
Il Sindaco E I Bambini Di Cinquefrondi
  • ...

Tornare su banchi di scuola pieni dei colori e delle risate del propri coetanei, ma anche avendo vissuto un'esperienza fortemente educativa. Più di 50 i bambini di età compresa tra i 3 ei i 17 anni per i quali il Comune di Cinquefrondi, in provincia di Reggio Calabria, ha pensato un campo estivo qualche giorno prima del suono della campanella

Non un campo estivo come tanti, ma un’esperienza ludico ricreativa particolare già solamente per il fatto che si è svolta poco prima dell’inizio delle attività scolastiche, come occasione per un momento di meritato relax in vista degli impegni del nuovo anno.

Una settimana, per oltre 50 bambini di Cinquefrondi, in provincia di Reggio Calabria, contraddistinta dalla voglia di condividere momenti di vita quotidiana lontani dalla ruotine, prima di tornare a immergersi sui libri di scuola. A volere l’iniziativa il sindaco, per il quale “iniziative del genere uniscono e creano comunità”.

«La nostra è stata una scelta ben precisa – spiega il primo cittadino, Michele Conia -. Siamo un Comune vicino al mare e durante l’estate i ragazzi lo frequentano quasi tutti. Pensare e offrire in questo periodo un’attività che li ricarichi, consentirà loro di affrontare le fatiche del nuovo anno scolastico con maggiore serenità. Ovviamente abbiamo dato priorità alle famiglie più fragili, aprendo subito dopo a quelle che vivono condizioni meno difficili e che hanno allo stesso modo diritto di esserci».

Dai 3 ai 17 anni i partecipanti al campo estivo suddivisi in due fasce di età: per i bambini dai 3 ai 5 anni le attività si sono svolte nella ludoteca “La Banda dei Biricchini”; i ragazzi dai 6 ai 17, invece, hanno partecipato ad attività ludiche e sportive nella struttura denominata “Spash” gestita dall’Asd Polissportiva.

Felici anche i genitori che hanno partecipato alla grande festa finale che, tra giochi, risate e tanti dolci, ha consentito a tutti di condividere il proprio racconto.

«Un‘esperienza educativa di grande valore – aggiunge l’assessore alle Politiche dell’Infanzia, Roberta Manfrida -. Credo sia importante sottolineare che, viste le tante richieste, l’amministrazione ha impegnato risorse del bilancio comunale in aggiunta a quelle ottenute dal Governo per dare modo a chiunque di usufruire di un’importante esperienza di socializzazione».

Un’occasione unica per tutti, grandi e piccini, che dalla prossima settimana varcheranno la porte delle rispettive scuole per ricominciare un nuovo anno scolastico con una o forse tante storie da raccontare.

Contenuti correlati