Elezioni 2022

Fridays for future lancia l'agenda su clima: «Nei programmi, impegni insufficienti»

13 Settembre Set 2022 1039 13 settembre 2022

Il Movimento nato da Greta Thunberg ha presentato un programma in cinque temi per stimolare la classe politica a lavorare sul contrasto al cambiamento climatico: «Gli impegni climatici presenti nei programmi elettorali sono molto spesso generici, insufficienti rispetto agli obiettivi delineati dalla comunità scientifica, se non addirittura dannosi e retrogradi»

  • ...
Fridays For Future Oggi Manifestazioni In Oltre 150 Citt Italiane 3Bmeteo 95210
  • ...

Il Movimento nato da Greta Thunberg ha presentato un programma in cinque temi per stimolare la classe politica a lavorare sul contrasto al cambiamento climatico: «Gli impegni climatici presenti nei programmi elettorali sono molto spesso generici, insufficienti rispetto agli obiettivi delineati dalla comunità scientifica, se non addirittura dannosi e retrogradi»

«Gli impegni climatici presenti nei programmi elettorali sono molto spesso generici, insufficienti rispetto agli obiettivi delineati dalla comunità scientifica, se non addirittura dannosi e retrogradi». A denunciarlo è il movimento Fridays for future italiano, che in una nota lancia una sua “agenda climatica” in cinque punti.

L'ala italiana dell'organizzazione, nata quattro anni fa in Svezia e composta per lo più da studenti delle scuole superiori, premette nel comunicato che «tutte le principali forze politiche hanno reso pubblico il proprio programma, e la maggior parte ha scelto di inserire al suo interno anche misure riguardanti il cambiamento climatico, talvolta addirittura citando “l’ambiente” tra le proprie priorità», ma denuncia poi che «la mancanza di un piano complessivo in cui gli interventi si inseriscano è pressoché evidente. Più che puntare ad affrontare una minaccia planetaria - prosegue il movimento -, l'impressione è che i partiti stiano solo cercando di accaparrarsi il favore di quegli elettori preoccupati che, come noi, chiedono azioni per contrastare il collasso climatico ed ecosistemico».

Fridays, manca rappresentanza politica, anche sulla questione climatica

«Abbiamo scritto un piano - afferma Mathias Mancin, portavoce di Fridays for Future Italia - che è la risposta a chi ci chiede cosa vogliamo dalla politica, e a chi si chiede se i partiti facciano sul serio. Sono cinque temi di cui la politica non può non parlare, dieci richieste che non possono mancare - a prescindere dal colore politico - in un programma che pretenda di affrontare la crisi climatica e di aiutare le categorie più svantaggiate".

«I temi - si legge ancora nella nota degli ambientalisti italiani - hanno come filo conduttore la partecipazione e la rappresentanza, due valori sacrificati in questa campagna elettorale lampo, con le esigenze delle fasce più in difficoltà a causa della crisi energetica sostanzialmente ignorate da ogni parte politica, e gli elettori spesso indecisi o determinati ad astenersi, perché chiamati solo a porre una crocetta, senza aver avuto alcuna voce in capitolo sulle proposte dei partiti tra cui devono scegliere».

Dal caro-bolletta alla riduzione dei consumi

«Partendo dall'energia - spiegano il Fridays italiani -, c'è la proposta di istituire una comunità energetica rinnovabile per ogni comune italiano, una misura che da sola coprirebbe la metà dei nostri consumi elettrici, abbatterebbe il prezzo delle bollette e coinvolgerebbe direttamente i cittadini nella produzione della propria energia». Si parla poi di trasporti pubblici gratuiti e investimenti sulla rete ferroviaria italiana, una misura necessaria per rendere gli spostamenti accessibili a tutti, nonostante l'aumento del prezzo dei carburanti. Il movimento continua: «E ancora, si va dall'efficientamento energetico di scuole e case popolari, sempre con l'obiettivo di ridurre consumi, emissioni e bollette, alla riduzione dell'orario di lavoro - mantenendo invariati gli stipendi -, per liberare tempo nella vita delle persone, abbattere la disoccupazione e prepararci ad una società in cui produrre meno non vuol dire lasciare qualcuno per strada; fino alla rimunicipalizzazione dell'acqua e all'uso degli utili per riparare le drammatiche perdite della nostra rete idrica, mitigando così i danni che la siccità può infliggere agli agricoltori e ai cittadini».

«Sul clima, milioni di italiane e di italiani rimangono inascoltati»

Ogni singola misura, aggiunge la nota dei giovani attivisti per il clima, «presenta le necessarie coperture finanziarie, a dimostrazione che la volontà politica, non la mancanza di denaro, è la principale causa dell'inazione climatica».

Agnese Casadei, portavoce di Fridays for Future Italia, dichiara: «I partiti pretendono il nostro voto, ma non ascoltano la nostra voce. Non siamo disposti a scegliere tra pacchetti di proposte già pronti che qualcuno ha messo insieme per noi. Vogliamo partecipare a costruire quelle proposte, perché così funziona una democrazia. Come noi, milioni di italiane e di italiani rimangono inascoltati, di volta in volta ignorati o rabboniti con proposte di facciata. Le misure che lanciamo oggi vanno incontro alle esigenze di quelle persone e, assieme, pongono le basi per una vera partecipazione democratica. Sono proposte minime, ma irrinunciabili per chi si proponga di costruire l'Italia del futuro».

Contenuti correlati