Lorenzo Maria Alvaro

BattitiPerMinuto

«Look up here, I'm in heaven»

11 Gennaio Gen 2016 0907 11 gennaio 2016
  • ...

David Bowie è morto. E nonostante i fiumi di post, tweet, commenti e contributi la verità è che non ci sarebbe nulla da aggiungere. Oggi, e per tutti i prossimi giorni, sarà un fiorire di canzoni pescate dal passato, dalle più famose a quelle più ricercate.

Un'ondata di parole che sarebbe meglio non ci fossero. Non perché non sia giusto che venga omaggiato uno dei più grandi artisti contemporanei, tra i più grandi di tutti i tempi. Ma perché se c'è una cosa che Bowie ha sempre fatto è parlare atraverso la musica. Prova ne è il fatto che è la prima volta, almeno a memoria mia, che un artista esce con un album (Blackstar) due giorni prima di mancare.

[embed]https://www.youtube.com/watch?v=y-JqH1M4Ya8[/embed]

Un album pazzesco, un album che è già candidato ad essere tra i migliori del 2016. La sua morte è stata un fulmine a ciel sereno quasi per tutti, perchè nessuno sapeva che fosse malato. Per Bowie ha sempre parlato la musica appunto, e anche oggi è così. Nessuno spazio per chiacchere inutili, pettegolezzi, gossip o autocelebrazioni. Per questo credo che l'unico commento intelligente possa essere ascoltare il singolo di lancio del disco, Lazarus, e poi andarsi a comprare l'album. Senza dire nulla. Senza aggiungere niente.

[embed]https://www.youtube.com/watch?v=kszLwBaC4Sw[/embed]