Flaviano Zandonai

Fenomeni

Al mercato delle soluzioni

21 Ottobre Ott 2013 2208 21 ottobre 2013
  • ...

I beni confiscati? Facciamoli gestire a manager socialmente responsabili. I disoccupati? Mandiamoli a fare volontariato. L'impresa sociale? Risolleviamola con un nuovo IRI. Il welfare? Finanziamolo con i social bond. Anche sulla piattaforma di Vita non mancano le idee per toglierci dai guai. E' un effetto della crisi - positivo o negativo vedete voi - questo florilegio di proposte che, come in altri campi, tentano di invertire la rotta introducendo discontinuità. In alcuni casi - beni confiscati - è quasi una boutade. In altri - i social bond - è un dato di realtà.

Al di là dei giudizi sui singoli provvedimenti c'è però un dato comune, anzi due. Il primo consiste nel liberare un potenziale ancora inespresso o non del tutto realizzato in campo nonprofit. Obiettivo più che comprensibile, guardando al dinamismo che caratterizza il settore come dimostrano i dati del Censimento Istat. Insomma l'aspettativa che un nonprofit adulto si faccia carico di questioni alla sua altezza, non limitandosi a tamponare le falle generate dai fallimenti di Stato e mercato. Il secondo elemento comune a queste proposte è la chiamata in causa di nuovi attori. Che siano manager o prodotti finanziari poco conta: l'obiettivo è di arricchire il quadro dei soggetti che competono per produrre valore sociale.

Se questo doppio intento è reale, allora prima di aggiungere una proposta shock contiamo fino a dieci (almeno). Sarà un tempo utile per fare alcune verifiche, anzi una: la capacità di collaborazione tra attori non lucrativi e new entries. La possibilità di testare queste soluzioni deriva infatti non dalla misurazione dei rapporti di forza, ma dall'efficacia dei protocolli collaborativi, come mi ricordava Alberto Cottica a proposito della capacità di fare rete delle cooperative sociali. Saranno le joint ventures - variamente declinate - a fare la differenza al mercato delle soluzioni.