Franco Bomprezzi

Francamente

Uccide la zia, ma è pur sempre "inchiodato su una sedia a rotelle"

6 Settembre Set 2013 1713 06 settembre 2013
  • ...

Lo so, rischio di essere frainteso. Ma la notizia, tragica, di queste ore, un fatto di cronaca nera che rimbalza da Roma e ci arriva ancora un po' incompleta, merita purtroppo qualche riflessione, attorno al nostro mestiere di giornalisti, e attorno ai luoghi comuni. Il fatto più o meno è questo. Per motivi ignoti, una persona in sedia a rotelle per una paraplegia (almeno così sembra) ha litigato violentemente con l'anziana zia, e l'ha uccisa a coltellate. Ha poi cercato di mascherare l'omicidio e persino di far sparire le tracce del cadavere, provando a infilarne il corpo in un baule, ma non riuscendo nell'impresa. Di qui la telefonata ai carabinieri e il tentativo di simulare una rapina per scagionarsi, magari sperando che il fatto di essere in sedia a rotelle avrebbe fatto pensare agli agenti che non era possibile che fosse proprio lui il colpevole. Fin qui i fatti, almeno quel che ho capito io leggendo gli scarni articoli di cronaca sul web.

Ma sono stato colpito ancora una volta da un terribile "inchiodato su una sedia a rotelle" che sarebbe irresistibilmente comico se non apparisse irriverente e fuori luogo questa mia impressione. Per essere inchiodato il nostro ci sapeva fare, evidentemente i chiodi non tenevano bene. In altri articoli si sorvola, e adesso la notizia è quasi scomparsa dalla home page dei principali quotidiani on line (siamo solo a venerdì pomeriggio), e devo dire che anche questo mi inquieta non poco. Sarò ipersensibile ma ho la sensazione che si sia cercato di stendere un velo pietoso sul fatto, proprio in considerazione della situazione fisica del presunto omicida (presunto fino a prova contraria, ovviamente). Come dire: non infieriamo su un povero "handicappato". Il mio è forse un processo alle intenzioni. Ma poi, quasi contemporaneamente, gli amici di facebook mi porgono su un piatto d'argento un'altra chicca, davvero impressionante. Il titolo a tutta pagina, del primo settembre, del quotidiano "La voce di Mantova" è questo: "Paraplegico si alza sul letto e invoca Satana". Il peggio, se così si può dire, arriva nel sommario: "Solo con l'arrivo del prete, chiamato dagli infermieri, lui ritorna nella propria infermità". Ecco, qui la comicità sfiora la blasfemia. In parole povere si tratterebbe di un miracolo al contrario, ossia Satana (sic!) avrebbe fatto drizzare come un obelisco il poveruomo, precipitato nuovamente sul letto "grazie" all'intervento salvifico del prete.

Non so che dire. La prima sensazione è che anni di onorate battaglie per cercare di favorire una comunicazione normale e corretta sulla disabilità finiscono nella spazzatura al primo caso di cronaca. La seconda riflessione, più seria, è che l'episodio di Roma dimostra, se mai ci fosse ancora qualche dubbio, che le persone con disabilità non sono necessariamente dei santi, possono arrivare anche a compiere delitti incredibili, utilizzando un'energia spesso derivante proprio dal continuo esercizio per mantenere la propria autonomia fisica. Terzo pensiero, di nuovo di tipo professionale: questa di Roma è davvero una notizia di cronaca rilevante. Farla scomparire rapidamente dalle prime pagine non è un buon esercizio di correttezza professionale. Di tutto, come persone con disabilità, abbiamo bisogno tranne che della pietà compassionevole. Su Mantova, invece, sono io a stendere un velo pietoso.

P.S. Non sono impazzito. Il link all'articolo del "messaggero" on line, quando ho scritto il mio post, era corretto: il pezzo infatti conteneva l'espressione "inchiodato su una sedia a rotelle" che d'altra parte compariva nel primo lancio dell'agenzia Ansa, poi modificato. Ebbene, potenza di questo blog (forse) ora il pezzo che trovate cliccando sul link è corretto e addirittura sembra di capire che la persona incriminata del delitto faccia solo ricorso alla sedia a rotelle, ma non sempre. Insomma, una bella differenza. Bene così.