Marco Percoco

Geografie Sociali

Perchè sostengo #Matera2019: città, creatività e cultura

5 Ottobre Ott 2014 0850 05 ottobre 2014
  • ...

La Basilicata, la regione da cui provengo, è una terra aspra, da sempre avara di opportunità per i suoi abitanti. In alcuni casi, la sua ancestrale povertà è stata la sua ricchezza, il suo territorio aspro è stato preservato e tramandato a testimoniare non un passato glorioso, ma difficile e drammatico.

Matera ha saputo inventarsi proprio su questo concetto. Il suo guartiere dei Sassi, un tempo luogo malsano ed intriso di disperazione, tragedie e sofferenza, è oggi il cuore pulsante di una cittadina meridionale, profondamente mediterranea.

Matera si candida ora ad essere capitale della ultura nel 2019 e lo fa in maniera inedita. L'architettura passata non è stata congelata nel tempo, ma è parte integrante della vita dei Materani, attraverso attività culturali, spazi di co-working o incubatori di imprese.

E' un modo inedito di candidarsi ad essere Capitale della Cultura, un modo che usa il turismo e la storia urbana per reinventare il proprio futuro, magari come città in grado di attrarre capitale umano e crescere sulla base della spinta di un terziario avanzato da inventarsi.

E' un progetto ambizioso, ma è questa la ragione, insieme al più bieco campanilismo, che mi spinge a sostenere la candidatura di #Matera2019.