nawart press

Il Mondo delle donne

Le elezioni delle donne curde di Silvan

30 Ottobre Ott 2015 1207 30 ottobre 2015
  • ...

[caption id="attachment_6" align="alignright" width="300"]

Narin vota a un seggio elettorale di Silvan.[/caption]

Con la voce scossa, Narin ha detto che sarebbe uscita dalle scene per un po'. Due giorni prima era stata arrestata per aver scortato alcuni stranieri al di là delle barricate, lì dove la città di Silvan, situata nel sud-est turco, ha recentemente dichiarato l'indipendenza dallo stato turco. Con il clima di tensione in città e le elezioni alle porte, lei, in quanto membro del Congresso delle Donne Libere curde (KJA) e del partito filo-curdo HDP, non voleva attirare nuove attenzioni su di sé e la sua famiglia. Come biasimarla.

Ma la notte del 31 ottobre ricevetti una telefonata: "Domani vi va di monitorare il clima elettorale e l'affluenza ai seggi qui a Silvan? Vi porto io." La notte deve averle portato un diverso consiglio, ho pensato senza farmi però ulteriori domande.

La mattina seguente, 1 novembre, veniamo accolte da Narin nella sede dell'HDP di Silvan. E' di ottimo umore, tutt'altra immagine rispetto a quella che mi prefiguravo. Fino a qualche mese fa Narin era una giornalista per l'agenzia mediatica DIHA ma, "dopo aver coperto l'assalto e il massacro contro i curdi da parte dello Stato Islamico a Kobane," spiega, "ho capito che ero troppo coinvolta e che non potevo, e non mi andava, di essere solo una testimone di quello che succedeva."

"Volevo impegnarmi per la mia gente, e lottare assieme alle donne curde," Narin continua. In poche ore, e con lei a farci da guida in una città spaccata a metà, dove da un lato regna una calma strana, fatta di tanti elettori che si affrettano verso le urne mentre mezzi corazzati ne osservano i movimenti, e dall'altro ci sono barricate, trincee, tendoni e guerriglieri armati pronti a sfidare l'esercito turco, ci avviciniamo a un mondo dove le donne sono in assoluto primo piano.

Camminare con Narin per la città significa essere fermati ogni due per tre da amici, parenti, compagni di partito. A lavorare dentro uno dei seggi è la sorella, una timida studentessa della facoltà di legge di Kahramanmaras, nel sud conservatore e religioso del paese, dove attacchi e provocazioni contro la minoranza curda si sommano giorno dopo giorno. "Non potete neanche immaginare quante delle sue compagne di classe hanno mollato tutto e si sono unite al PKK," dice Narin. "Lei dice di non volerlo ma, se decidesse di prendere le armi e reagire contro il sistema, non potremmo farci nulla."

Al di là delle barricate incontriamo una giovane sorridente dalle guance arrossate dal freddo e il kalashnikov a tracolla, e un'anziana signora in abiti tradizionali seduta di fronte a lei. L'una coordina le azioni paramilitari tra i giovani del suo quartiere, l'altra porta approvvigionamenti ai combattenti perché, "questa battagli ci riguarda tutti, ma proprio tutti, da vicino," afferma con veemenza.

La lancetta dell'orologio scorre veloce e si fa sempre più vicina alle 4, ora di chiusura dei seggi. Narin deve affrettarsi e tornare al centro dell'HDP per monitorare lo spoglio dei voti, e noi andiamo con lei.

Mentre scompare richiamata da mille voci, ci sediamo in una stanza, dove un gruppo di donne del partito, fumando una sigaretta dopo l'altra e sorseggiando del tè, consultano freneticamente i loro smartphone. "Ottenere seggi in Parlamento è un'ottima opportunità per entrare nell'arena politica," spiega Zuhal Tekiner, co-sindaca di Silvan, "ma noi abbiamo già il nostro Congresso che, sebbene non riconosciuto dalle autorità turche, viene implementato in tutte le municipalità del Kurdistan turco e da equa rappresentazione a tutte le classi sociali."

"Donne e uomini indistintamente," conclude ammiccando alle amiche e colleghe sedute intorno, mentre Narin sporge la testa dentro la stanza e ci saluta tutte con la mano.