nawart press

Il Mondo delle donne

Storie della buonanotte per bambine ribelli

17 Maggio Mag 2016 1111 17 maggio 2016
  • ...

“C’era una volta una bambina che sognava di…sposare un principe camminare su Marte!”

Inizio atipico e straordinario per un racconto fiabesco, ma qui andiamo ben oltre il limite della fantasia: Storie della buonanotte per bambine ribelli è una raccolta di favole che potrebbe presto diventare realtà.

I principi che baciano le loro belle, quelle con la pelle candida e le gote rosate, ormai lasciano il tempo che trovano: il loro, quello degli anni ’20.

Oggi grazie a Elena Favilli e Francesca Cavallo le principesse, le zucche e le scarpine di cristallo sono rimpiazzate a gran furore da 100 storie di donne straordinarie che hanno cambiato il mondo.

Il libro, che racconta le storie di Frida Khalo, le sorelle Bronte, Serena Williams, Elisabetta I e tante altre, ha raggiunto ieri sera il record di libro per bambini più finanziato al mondo in tutta la storia del crowdfunding.

Un evento significativo, che mostra una nuova attenzione sul processo educativo di genere fin dall’infanzia, e che segna l’inizio di un’alternativa pop alle coroncine, i pizzetti e alle gonnelline frufru.

Un libro per bambine che hanno voglia di formarsi su modelli diversi da Barbie o la Principessa sul Pisello, ma anche per bambini curiosi e perché no, che non vogliono essere colti impreparati quando ai primi segni di acne si faranno coraggio e chiederanno ad una ragazza in gamba di uscire. Oppure quando capiranno che vorranno emularle.

Favilli e Cavallo si sono trasferite in California per aprire Timbuktu Lab, una compagnia che produce giochi intelligenti per bambini e progetta strumenti perché i ragazzi possano costruire e addobbare i loro parchi giochi.

Ma non solo. C’è Timbuktu magazine, la prima rivista digitale su I pad al mondo per bambini dai 6 ai 10 anni, una rivista ispirata al Reggio Emilia Approach, un metodo educativo nato negli anni ’90, che si incentra sul bambino e la sua partecipazione e lo rende protagonista del suo processo creativo.

Le ideatrici di Storie della buonanotte per bambine ribelli hanno coinvolto 100 artiste internazionali chiedendo ad ognuna di esse di disegnare il ritratto di una protagonista delle 100 storie.

Il risultato è un racconto straordinario, con una grafica che dà piacere agli occhi e che corona la riuscita di un libro molto, molto ispirato.