Don Antonio Mazzi

La mazzata

La furbizia dei diciassette anni

23 Aprile Apr 2013 0954 23 aprile 2013
  • ...

Tutti sanno che voglio bene ai ragazzi, che quasi sempre do ragione a loro più che ai loro genitori, ma questa volta, è troppo. Intendo alludere alla diciassettenne che ha chiamato il 114, cioè il numero di emergenza per l’infanzia promosso dal Dipartimento per le Pari Opportunità e gestito dal Telefono Azzurro. Questa diciassettenne svampita (preferisco chiamarla così) ha scomodato la polizia perché la mamma l’ha rimproverata: “Sei una scansafatiche. Noi facciamo fatica a pagare la scuola privata e non devi saltare nessuna ora”. Invece la svampitella voleva entrare un’ora dopo a scuola, per evitare l’interrogazione. Credo che la madre avesse tutte le ragioni, al di là dei costi della scuola privata. I doveri e gli impegni non vanno scantonati. Meno male che la polizia, dopo aver ascoltato le ragioni della madre e della figlia, abbia deciso di non procedere nei confronti della madre. Segnali di questo tipo non vanno lasciati perdere. Brava quella madre che non si è lasciata influenzare. Sono molti, invece, i genitori che davanti ai “capricci” e ai falsi mal di testa, si lasciano intrappolare “pro bono pacis”. L’educazione e la formazione dei nostri figli, esige scelte forti e chiare prese di posizione. La vita si matura attraverso questi momenti. Tutti noi abbiamo bigiato e spergiurato. La scuola è oggetto di schermaglie familiari e di quasi innocenti farse. L’adolescenza, poi, ingigantisce il tutto e gioca a inventare occasioni per moltiplicare fatterelli al limite del furbesco. Cari diciassettenni, fare i furbini è donchisciottesco e banale. Infantilizza! Cari genitori, non lasciatevi prendere per il naso. Dire sempre di sì è la cosa più diseducante. I minori sono “minori” proprio perché esigono un aiuto, in sostegno e talvolta decisioni che toccano a voi. Lasciare ai minori tutte le decisioni non li matura, ma soprattutto, non matura voi genitori. La battuta “mia figlia sa quello che deve fare” è il più brutto segnale della vostra poca voglia di sentirvi dire dei no.