Riccardo Bonacina

La Puntina

Così la Goldman Sachs conquista l'Europa

3 Maggio Mag 2012 1632 03 maggio 2012
  • ...

[caption id="attachment_930" align="alignleft" width="295" caption="The Indipendent"]

[/caption]

Le due infografiche molto istruttive che qui riproponiamo, non sono apparse su un sito di antagonisti globali o di Okkupy, ma su un quotidiano inglese autorevole come The indipendent (qui il link) che ha inaurato un vero e proprio dibattito sulla consegna dell'Europa nelle mani di Goldman Sachs, una delle più grandi banche d'affari del mondo. L'immagine è impressionante e molto eloquente, Irlanda (Peter Sutherland), Francia (Antonio Borges), Italia (Mario Monti), Grecia (Lucas PApademos e Petros Christodoulou), Germania (Otmar Issing),  Belgio (Karel  e Bce sono già governate da uomini della Goldman , se Jim O’Neill, chairman della Gestione degli Asset della Goldman Sachs, verrà nominato governatore della Bank of England la conquista sarà completa. Dalle radici cristiane, quindi, alla Banca d'affari padrona del mondo. È questo il destino dell'Europa? È questa l'Europa per cui hanno combattuto e sofferto i nostri padri?

In Europa e nel mondo se ne discute, ne discute pure il sito principe del gossip finanziario zerohedg, solo in Italia pare vietato parlarne e domina un silenzio letteralmente tombale. Si discute dell'autocandidatura di Santoro a direttore generale della Rai o su Grillo (almeno lui ne spara qualcuna...), e basta e i grandi quotidiani non ci risprmiano neppure titoli dedicati a SuperMArio Monti.

Vabbé, io ve l'ho detto, ritenevo giusto informarvi :-)