Riccardo Bonacina

La Puntina

Il memoriale ai milanesi di Benedetto XVI

3 Giugno Giu 2012 1816 03 giugno 2012
  • ...

Nel 1983, in occasione della visita di Giovanni Paolo II a Milano, Giovanni Testori raccolse il corpus dei suoi discorsi scrivendone una appassionata Introduzione. Chiamò quella raccolta, pubblicata negli Oscar Mondadori pochi mesi dopo la visita del Papa, “Il nuovo memoriale ai milanesi”, richiamando cos' il titolo del “memento” che Carlo Borromeo inviò alla diocesi e al popolo di Milano nel 1576 sulle cicatrici ancora aperte e gementi della peste.

In quell'introduzione Testori scriveva così: “Non è stata quella di Giovanni Paolo II, una visita politica. Chi lo temeva e, magari, lo desiderava per poter inasprire i toni della propria polemica, la quaale spesso preferisce scendere di gradi sino ad assumere i toni della menzogna, dell'insulto e dello spregio, è rimasto deluso. Chi pensava che una città, una diocesi, un popolo fossero riducibili alla mediocre filosofia e alla mediocre prassi di un'élite in bilico perenne e compiaciuto tra consumismo accettato e rivoluzione sociale ammiccata solo fin che resti, come sogno o come inutile serva, alla porta, ha dovuto fare i conti con la fede, la realtà, la passione, il coraggio, l'appello e la preghiera, dunque con la forza di presenza e di vita di quella città, di quella diocesi, di quel popolo. Non riconoscere tale presenza significa far professione continua di falsità; significa, per voler accecare gli altri, accecarsi da sè”.

Ebbene, questo libretto  voluto da Testori e quelle sue parole mi sono affiorate alla mente quando stamattina, senza pass giornalistici ma come pellegrino tra altri, sono andato nella spianata aeroportuale di Bresso per la Messa di Benedetto XVI. Tornato a casa l'ho ritrovato nella mia libreria e mi ha stupito la quantità di similitudini tra quanto scritto da Testori e i mei sentimenti e pensieri di stamattina. Certo, 29 anni dopo siamo andati ben oltre, e quelle élite di cui Testori parlava vediamo ogni giorno quanto si stiano sgretolando, ma in questa caduta vediamo anche quanto l'esercizio della protervia e quanto la loro cecità siano, se possibile, ancor più aumentate. Come se le élites al potere in questo loro scivolare all'ingiù riescano a cambiare maschera e facce e persino linguaggi, mentre ciò che resta è il loro ignorare il popolo e le sue energie. Popolo, anzi popoli ed energie che stamattina hanno riempito la spianata di Bresso con le loro bandiere, i loro canti, i loro anziani e bambini. Un'esperienza di globalizzazione e di meticciato tra popoli di cui certo non c'era ancora evidenza nel 1983. Meticciato ed energie che però si sprigionano intorno ad uno stesso bisogno, in un frangente così difficile e doloroso della storia, quello di credere che il nostro finitoabbia un respiro infinito e quello di approdare ogni giorno alla speranza necessaria per poter camminare e costruire. Vera festa di famiglie e della famiglia umana, energica generosa, negli stessi giorni in cui le caste mettevano in scena lo stanco rito della parata repubblicana del 2 giugno.

A mio beneficio e per quello dei miei più frettolosi amici ecco una breve antologia del memoriale ai milanesi, e tramite essi al mondo, di Benedetto XVI nella sua venuta a Milano.

Milano città di mezzo, crocevia di culture, questa la sua vocazione (1 giugno, discorso alla città)

Il mio primo incontro con i Milanesi avviene in questa Piazza del Duomo, cuore di Milano, dove sorge l’imponente monumento simbolo della Città. Con la sua selva di guglie esso invita a guardare in alto, a Dio. Proprio tale slancio verso il cielo ha sempre caratterizzato Milano e le ha permesso nel tempo di rispondere con frutto alla sua vocazione: essere un crocevia – Mediolanum – di popoli e di culture. La città ha così saputo coniugare sapientemente l’orgoglio per la propria identità con la capacità di accogliere ogni contributo positivo che, nel corso della storia, le veniva offerto. Ancora oggi, Milano è chiamata a riscoprire questo suo ruolo positivo, foriero di sviluppo e di pace per tutta l’Italia.

La singolare identità di Milano non la deve isolare né separare, chiudendola in se stessa. Al contrario, conservando la linfa delle sue radici e i tratti caratteristici della sua storia, essa è chiamata a guardare al futuro con speranza, coltivando un legame intimo e propulsivo con la vita di tutta l’Italia e dell’Europa. Nella chiara distinzione dei ruoli e delle finalità, la Milano positivamente “laica” e la Milano della fede sono chiamate a concorrere al bene comune.

“Amici, non questi toni..”, la lezione su Beethoven e Schiller. “Non abbiamo bisogno di un discorso irreale di un Dio lontano e di una fratellanza non impegnativa”. (Teatro la Scala 1 giugno)

La gestazione della Nona Sinfonia di Ludwig van Beethoven fu lunga e complessa, ma fin dalle celebri prime sedici battute del primo movimento, si crea un clima di attesa di qualcosa di grandioso e l’attesa non è delusa.

Beethoven pur seguendo sostanzialmente le forme e il linguaggio tradizionale della Sinfonia classica, fa percepire qualcosa di nuovo già dall’ampiezza senza precedenti di tutti i movimenti dell’opera, che si conferma con la parte finale introdotta da una terribile dissonanza, dalla quale si stacca il recitativo con le famose parole «O amici, non questi toni, intoniamone altri di più attraenti e gioiosi», parole che, in un certo senso, «voltano pagina» e introducono il tema principale dell’Inno alla Gioia. E’ una visione ideale di umanità quella che Beethoven disegna con la sua musica: «la gioia attiva nella fratellanza e nell’amore reciproco, sotto lo sguardo paterno di Dio» (Luigi Della Croce). Non è una gioia propriamente cristiana quella che Beethoven canta, è la gioia, però, della fraterna convivenza dei popoli, della vittoria sull’egoismo, ed è il desiderio che il cammino dell’umanità sia segnato dall’amore, quasi un invito che rivolge a tutti al di là di ogni barriera e convinzione.

Su questo concerto, che doveva essere una festa gioiosa in occasione di questo incontro di persone provenienti da quasi tutte le nazioni del mondo, vi è l’ombra del sisma che ha portato grande sofferenza su tanti abitanti del nostro Paese. Le parole riprese dall’Inno alla gioia di Schiller suonano come vuote per noi, anzi, sembrano non vere. Non proviamo affatto le scintille divine dell’Elisio. Non siamo ebbri di fuoco, ma piuttosto paralizzati dal dolore per così tanta e incomprensibile distruzione che è costata vite umane, che ha tolto casa e dimora a tanti. Anche l’ipotesi che sopra il cielo stellato deve abitare un buon padre, ci pare discutibile. Il buon padre è solo sopra il cielo stellato? La sua bontà non arriva giù fino a noi? Noi cerchiamo un Dio che non troneggia a distanza, ma entra nella nostra vita e nella nostra sofferenza.

In quest’ora, le parole di Beethoven, «Amici, non questi toni …», le vorremmo quasi riferire proprio a quelle di Schiller. Non questi toni. Non abbiamo bisogno di un discorso irreale di un Dio lontano e di una fratellanza non impegnativa. Siamo in cerca del Dio vicino. Cerchiamo una fraternità che, in mezzo alle sofferenze, sostiene l’altro e così aiuta ad andare avanti.

Politica e potere, sulle orme di Ambrogio (dicorso ai politici e alle famigli il 2 giugno)

Nel suo commento al Vangelo di Luca, sant’Ambrogio ricorda che «l’istituzione del potere deriva così bene da Dio, che colui che lo esercita è lui stesso ministro di Dio» (Expositio Evangelii secundum Lucam,IV, 29). Tali parole potrebbero sembrare strane agli uomini del terzo millennio, eppure esse indicano chiaramente una verità centrale sulla persona umana, che è solido fondamento della convivenza sociale: nessun potere dell’uomo può considerarsi divino, quindi nessun uomo è padrone di un altro uomo. Ambrogio lo ricorderà coraggiosamente all’imperatore scrivendogli: «Anche tu, o augusto imperatore, sei un uomo» (Epistula 51,11).

Un altro elemento possiamo ricavare dall’insegnamento di sant’Ambrogio. La prima qualità di chi governa è la giustizia, virtù pubblica per eccellenza, perché riguarda il bene della comunità intera. Eppure essa non basta. Ambrogio le accompagna un’altra qualità: l’amore per la libertà, che egli considera elemento discriminante tra i governanti buoni e quelli cattivi, poiché, come si legge in un’altra sua lettera, «i buoni amano la libertà, i reprobi amano la servitù» (Epistula 40, 2). La libertà non è un privilegio per alcuni, ma un diritto per tutti, un diritto prezioso che il potere civile deve garantire. Tuttavia, libertà non significa arbitrio del singolo, ma implica piuttosto la responsabilità di ciascuno. Si trova qui uno dei principali elementi della laicità dello Stato: assicurare la libertà affinché tutti possano proporre la loro visione della vita comune, sempre, però, nel rispetto dell’altro e nel contesto delle leggi che mirano al bene di tutti.

In questo esistere dello Stato per i cittadini, appare preziosa una costruttiva collaborazione con la Chiesa, senza dubbio non per una confusione delle finalità e dei ruoli diversi e distinti del potere civile e della stessa Chiesa, ma per l’apporto che questa ha offerto e tuttora può offrire alla società con la sua esperienza, la sua dottrina, la sua tradizione, le sue istituzioni e le sue opere con cui si è posta al servizio del popolo. Basti pensare alla splendida schiera dei Santi della carità, della scuola e della cultura, della cura degli infermi ed emarginati, serviti e amati come si serve e si ama il Signore. Questa tradizione continua a dare frutti: l’operosità dei cristiani lombardi in tali ambiti è assai viva e forse ancora più significativa che in passato. Le comunità cristiane promuovono queste azioni non tanto per supplenza, ma piuttosto come gratuita sovrabbondanza della carità di Cristo e dell’esperienza totalizzante della loro fede. Il tempo di crisi che stiamo attraversando ha bisogno, oltre che di coraggiose scelte tecnico-politiche, di gratuità, come ho avuto modo di ricordare: «La “città dell'uomo” non è promossa solo da rapporti di diritti e di doveri, ma ancor più e ancor prima da relazioni di gratuità, di misericordia e di comunione» (Enciclica Caritas in veritate, 6).

Possiamo raccogliere un ultimo prezioso invito da sant’Ambrogio, la cui figura solenne e ammonitrice è intessuta nel gonfalone della Città di Milano. A quanti vogliono collaborare al governo e all’amministrazione pubblica, sant'Ambrogio richiede che si facciano amare. Nell’opera De officiis egli afferma: «Quello che fa l’amore, non potrà mai farlo la paura. Niente è così utile come farsi amare» (II, 29). D’altra parte, la ragione che, a sua volta, muove e stimola la vostra operosa e laboriosa presenza nei vari ambiti della vita pubblica non può che essere la volontà di dedicarvi al bene dei cittadini, e quindi una chiara espressione e un evidente segno di amore. Così, la politica è profondamente nobilitata, diventando una elevata forma di carità.

Parliamo oi della politica: mi sembra che dovrebbe crescere il senso della responsabilità in tutti i partiti, che non promettano cose che non possono realizzare, che non cerchino solo voti per sé, ma siano responsabili per il bene di tutti e che si capisca che politica è sempre anche responsabilità umana, morale davanti a Dio e agli uomini.

Famiglia prima forma di cooperazione contro l'utilitarismo (aeroporto di Bresso 2 gigno)

E’ fecondo infine per la società, perché il vissuto familiare è la prima e insostituibile scuola delle virtù sociali, come il rispetto delle persone, la gratuità, la fiducia, la responsabilità, la solidarietà, la cooperazione. Cari sposi, abbiate cura dei vostri figli e, in un mondo dominato dalla tecnica, trasmettete loro, con serenità e fiducia, le ragioni del vivere, la forza della fede, prospettando loro mete alte e sostenendoli nella fragilità.

Noi vediamo che, nelle moderne teorie economiche, prevale spesso una concezione utilitaristica del lavoro, della produzione e del mercato. Il progetto di Dio e la stessa esperienza mostrano, però, che non è la logica unilaterale dell’utile proprio e del massimo profitto quella che può concorrere ad uno sviluppo armonico, al bene della famiglia e ad edificare una società giusta, perché porta con sé concorrenza esasperata, forti disuguaglianze, degrado dell’ambiente, corsa ai consumi, disagio nelle famiglie. Anzi, la mentalità utilitaristica tende ad estendersi anche alle relazioni interpersonali e familiari, riducendole a convergenze precarie di interessi individuali e minando la solidità del tessuto sociale.

Armonizzare i tempi del lavoro e le esigenze della famiglia, la professione e la paternità e la maternità, il lavoro e la festa, è importante per costruire società dal volto umano. In questo privilegiate sempre la logica dell’essere rispetto a quella dell’avere: la prima costruisce, la seconda finisce per distruggere