Simone Feder

No Slot

Incontrare l'altro

11 Luglio Lug 2013 1036 11 luglio 2013
  • ...

Filippo passa più di 10 ore al pc, immerso in una realtà virtuale che spesso lo accartoccia e lo rende spento, triste, insensibile davanti a tutto, con la sola voglia di essere collegato alla rete. Ad una rete che lo fa “sentire” vicino a qualcuno. Ma cosa cerca in questi collegamenti notturni? Cerca il rapporto con l’altro che non conosce, ma che è l’unica cosa in grado di farlo sentire qualcuno. Ma è veramente un rapporto con qualcuno quello che cerca?

Come intervenire per dare risposte alla disperazione della mamma che vede giorno per giorno spegnersi a soli 20 anni quel suo figlio tanto desiderato? La grossa difficoltà è stare nel rapporto con l’altro, avvicinarsi alla sua disperazione ma non lasciarsi vincere o travolgere. Si fatica e questa fatica a volte necessita di sguardi che vanno al di là di quell’orizzontalità umana a cui siamo abituati.

Sguardi che, dopo aver osservato, si interrogano e cercano di capire se c’è da guardare oltre, se possono vedere altro...

Incontrare i giovani e stare nella relazione con loro necessita una preparazione non solo specialistica e nozionistica, ma umana e spirituale. È questo che si porta all’altro durante l’incontro ed è questo che resta all’altro quando ci si lascia.

Per fare ciò dobbiamo anche imparare a fare silenzio dentro di noi, toccare e far vibrare  la frequenza del cuore. È cosa ardua, ma necessaria e che non può non essere ricercata oggi quando stiamo con i giovani.

L’altro ti porta delle domande e delle esigenze che a volte ne nascondono altre più profonde e importanti.

Siamo pronti a tutto questo? O siamo pieni solo dei nostri preconcetti o teorie?

Oggi è fondamentale rimboccarsi le maniche in prima persona e pensare di dedicare loro del tempo, a volte in maniera non prevedibile, perché il malessere delle persone ti coinvolge completamente e a volte si fatica a  capirne il limite.

Più stiamo con i giovani e più ci accorgiamo che il tempo è poco e non basta. Dobbiamo aggredire il disagio, ma facendo in fretta perché ciò che ti riportano oggi i giovani domani potrebbe essere troppo tardi da affrontare!