Simone Feder

No Slot

Basta ‘fumo’ è venuta l’ora dell’arrosto!

9 Gennaio Gen 2014 1624 09 gennaio 2014
  • ...

Come vent'anni fa in questi giorni campeggiano sui giornali titoloni sull'ennesimo dibattito politico 'legalizzazione si legalizzazione no'. Chi parla, chi smentisce, chi si schiera, chi cambia idea...ognuno portando a supporto delle proprie idee dati, teorie, esempi, bandiere...

Ancora una volta però davanti a tutto questo non posso fare a meno di chiedermi: ma di cosa parliamo oggi ai nostri giovani? Quali proposte concrete la politica fa a loro, per i loro sogni, per il loro futuro?

Sotto questi slogan sbandierati sulle prime pagine passa ancora una volta in secondo piano che il tasso di disoccupazione giovanile sta sempre più aumentando arrivando a toccare il 41,6%. Allora mi domando cosa sia veramente importante mettere al primo posto nelle nostre 'agende politiche'.

Stiamo crescendo una generazione di giovani accusati di lassismo, mammismo, devianza, inconsistenza, disimpegno... ma quali alternative sono concretamente proposte e valorizzate?

Penso al progetto di Servizio Civile Volontario, a tutte quelle realtà del sociale che si reggono quasi esclusivamente sul volontariato, e contemporaneamente alla fatica di trovare nella maggior parte dei giovani questa cultura delle reti sociali. Eppure loro ne hanno bisogno e richiesta, non si spiegherebbe altrimenti questo rifugio nel mondo dei social network, diventati ormai indispensabili per loro.

Volere, cercare e promuovere una società differente, in cui si incentivi l'attenzione all'altro, la sussidiarietà, la corresponsabilità, l'impegno civile e sociale, la gratuità, non è forse compito del mondo adulto?

Credo sia ora di prendersi carico realmente di queste situazioni scottanti, di dare vere alternative ai ragazzi che altrimenti saranno sempre più allo sbando alla ricerca di qualcosa che dia loro speranze e risposte. È ora di accendere in loro la luce dell'entusiasmo proponendo, offrendo e incentivando progetti concreti e sostenibili, accattivanti per loro e portatori di nuovi respiri e orizzonti.

Non è forse questo il ruolo della classe politica? Non è questo forse il vero pensare al futuro e alle sorti di questo paese? Allora basta con questi discorsi già sentiti e ridondanti, esigiamo chiarezza e risposte ai veri bisogni, aiutiamo i nostri giovani a credere e costruire un futuro luminoso! È loro diritto poterselo gustare!