Simone Feder

No Slot

È ora di scegliere tutti bar #noslot

25 Aprile Apr 2015 0858 25 aprile 2015
  • ...

Davide e Monica hanno fatto una scelta, hanno deciso di rinunciare a facili guadagni per vivere onestamente, senza speculare sulla sofferenza di chi poteva garantir loro una vita economicamente più tranquilla.

Giuseppe e Carla hanno fatto una scelta, hanno intrapreso un percorso che li aiutasse a liberarsi da quelle malefiche macchinette che stavano mettendo a rischio la loro famiglia costruita negli anni con pazienza e amore.

Chiara e Francesco hanno fatto una scelta, hanno voluto dedicare parte del loro tempo, delle loro energie di ragazzi per promuovere una cultura diversa e sensibilizzare i loro coetanei verso una problematica che distrugge i territori che da adulti si troveranno loro stessi a dover risanare.

Alberto e Claudia hanno fatto una scelta, hanno messo la loro professionalità a servizio gratuitamente di chi, rovinato dalla schiavitù dell’azzardo, non può permettersi assistenza e cura di nessun tipo.

Giada e Roberto hanno fatto una scelta, hanno dedicato parte del loro tempo e delle loro energie ad organizzare un evento che potesse fare in modo che Pavia potesse prendersi cura di chi certe scelte le sta portando avanti con fatica

Tanti cittadini come loro hanno fatto una scelta, trascorrendo qualche ora del loro sabato pomeriggio all’interno di quel bar, per sostenerlo, per non far sentire soli Davide e Monica, per proporre un modo vero e reale di giocare, per urlare la loro stanchezza verso un sistema che mette il dio denaro al primo posto obbligando chi già fatica a farne ancora di più per sopravvivere.

Tutte queste persone ci hanno ricordato che fare scelte diverse è possibile, e non solo, è nostro preciso dovere di cittadini, ma soprattutto di uomini.

Dobbiamo scegliere di renderci protagonisti del cambiamento che vogliamo dal mondo, presidiando le nostre città, i nostri territori (reali ma anche virtuali), proponendo diverse relazioni e differenti valori contrapposti alla solitudine e al disvalore che l’azzardo dissemina.

Ogni giorno non dobbiamo stancarci di chiederci: “e oggi cosa scelgo di fare?”

@simonefeder