Marco Dotti

Seconda Classe

NarcoBusiness. Le mafie hanno bisogno di dipendenze, non solo di affiliazione

10 Gennaio Gen 2014 1217 10 gennaio 2014
  • ...

Le mafie non hanno bisogno (soltanto) di affiliazioni o connivenze. Hanno bisogno di addiction, di dipendenze. Per questo, i processi di legalizzazione, come si usa chiamarli, di sostanze, campi o prodotti che inducono addiction sono sempre processi fragili.

Delicati e fragili perché permeabili proprio da chi, attraverso lo schermo pratico del "togliamo il business alle mafie" e lo schema retorico della "legalità" risolutrice può trarre un profitto. L'illegalità rimane, ma diventa un'opzione di business non il primo terreno per fare profitto. Spesso un profitto indiretto, perché, per parafrasare Flaiano, la linea più semplice che lega le mafie al  business dell'addiction non è quella retta, ma l'arabesco. 

Permeabili questi processi lo sono perché mentre animano il campo di finte contrapposizioni (proibizionismo/antiproibizionismo, Stato etico/Stato laico, libertà/asservimento), coprono sottotraccia una materia oscura. Con il rischio che questa fuoriesca e ammorbi tutto quanto.

Stiamo assistendo proprio a qualcosa del genere, in questi giorni, attraverso una serie di crisi-spia attorno alle quali le contrapposizioni che solo qualche anno fa ci sembravano tenere, scivolano e non reggono più. Azzardo, cannabis, eutanasia infantile e via discorrendo sono passati dall'essere "problemi", a alibi per esercitare la retorica degli uni e alimentare gli interessi degli altri (in primo luogo del parastato e dello Stato giunto al suo crepuscolo fiscale).

Prendiamo il caso dell'azzardo di massa in Italia: a dieci anni dalla sua "legalizzazione" possiamo ben dire che le dipendenze - non solo quelle cliniche, ma quelle sociali - sono esponenzialmente aumentate e il business delle mafie ne ha tratto un indubbio giovamento. Indebitamento e dipendenza di massa rendono malleabile una manodopera spesso molto qualificata dal punto di vista del terziario avanzato che prima era disponibile solo attraverso il meccanismo dell'affiliazione o del ricatto. 

Le mafie sono come la peste. Non serve gridare agli untori per debellarla. Anche se, come ricordava Alessandro Manzoni, in pagine ben note dei suoi Promessi Sposi, pure a quel tempo c'era qualcuno «che non credeva agli untori, ma non poteva sostenere la sua opinione, contro l’opinione volgare diffusa, perché il buon senso c’era, ma se ne stava nascosto per paura del senso comune».

La legalizzazione a mezzo stampa è un alibi che il senso comune offre alla peste delle dipendenze. Non è questione di proibizionismo o di antiproibizionismo, è questione di coperture etiche mobili: di uno Stato che si vuole etico quando chiede agli utenti di pagare il Canone Rai, ma si dimentica di esserlo quando si fa complice di fenomeni che producono disagio, malessere... dipendenza.

È forse ora comunque che il buon senso esca allo scoperto e inchiodi il senso comune alle sue responsabilità. E ricordi che la legalità non è un valore (o un fine), ma un'opzione possibile (un mezzo). Un'opzione che oggi denota una profonda perversione dei mezzi in fini e contro la quale resta pur sempre valida l'opzione estrema e contraria, evocata anche dalla Arendt, della disobbedienza civile.