Andrea Cardoni

SocialMediaStories

A L'Aquila, dove nascono i Giganti

17 Ottobre Ott 2012 1202 17 ottobre 2012
  • ...

Si inizia con una soggettiva rasoterra di scarpini e dei calzettoni. Maglie e calzoncini azzurri, un pallone e sei ragazzini con gli occhi sgranati e col naso all'insù...

La regia è di  Stefano Ianni (uno dei protagonisti del progetto Memory Hunter, su L'Aquila). Ed è interessante vedere che lo sport inizia a creare comunicazione di questo livello anche per le giovanili.

Per una volta, però, provate a guardarlo con altri occhi e il naso all'insù: togliete il velo di ogni retorica su uno sport, il rugby, forse più pulito del calcio. Dimenticate per un attimo ogni polemica che proprio oggi occupa le pagine di giornali e siti di informazione su L'Aquila. Guardatelo con occhi liberi. Provate a sgranarli e a credere a questa favola.  Guardateli al secondo 0:19, guardate le loro espressioni, come si muovono, e le loro pose. E mentre lo fate, permettete ai vostri calzini di calare un po'.

"Le fiabe non insegnano ai bambini che i draghi esistono, loro lo sanno già che esistono. Le fiabe insegnano ai bambini che i draghi si possono sconfiggere":  lo diceva Gilbert Keith Chesterton (in uno degli aforismi più abusati sui bambini) ed è un po' l'ispirazione che (forse) sta dietro questo video.

Chissà cosa avrebbe pensato il reverendo William Webb Ellis, che quasi 190 anni fa si inventò uno sport così duro e adulto: magari non avrà creduto a questa fiaba... ma chissà cosa succederà dopo il calcio al pallone ovale. E chissà se, a L'Aquila, non si riescano a vincere tante altre partite e a scrivere altre fiabe.