18 Aprile Apr 2017 1730 7 months ago Como

L'economia della ciambella apre il Now Festival

Italia Como - Via per Cernobbio 11
http://nowfestival.it/

Torna la manifestazione dedicata al futuro sostenibile, con nove appuntamenti

Dare benessere con meno risorse, accettando che ci sia un tetto ambientale oltre cui consumare le risorse ambientali mette a rischio la sopravvivenza stessa del pianeta: è questa la sfida dell’economia del futuro e per Kate Raworth  lo schema dell’economia che può raffigurare il nuovo modello economico è quello della ciambella. Kate Raworth  insegna come Senior Associate Visiting Research presso l’Environmental Change Institute dell’Università di Oxford e il suo nuovo libro, L’economia della ciambella: sette modi di pensare come un economista del 21° secolo, è in corso di pubblicazione in Italia. Oggi questa “economista eretica” aprirà la nuova edizione di NOW Festival (sarà alle ore 17.30 a Como, a Villa Grumello - Via per Cernobbio 11), l’evento dedicato a tutte le esperienze, persone, organizzazioni e aziende innovative, che oggi agiscono pensando a un futuro sostenibile per l’ambiente, l’economia, la cultura e la società. Quest’anno la formula del Festival del Futuro Sostenibile cambia: numerosi incontri itineranti su temi differenti, per coinvolgere più realtà, soggetti e territori e collaborare in modo sinergico, mettendo al centro l’economia sostenibile e la capacità di sviluppare best practise e raccontare il futuro. Sono infatti nove gli appuntamenti dedicati a economia circolare, green jobs, business sostenibile, sostenibilità ambientale e tutela dei consumatori, cambiamenti climatici, impronta ambientale, sostenibilità urbana e pubbliche amministrazioni, che Como ospiterà fra oggi e il 26 maggio.

 

La doughnut economics di Kate Raworth  individua nella forma di una ciambella lo spazio sicuro entro cui l’umanità può operare: i lati esterni della ciambella rappresentano i “tetti ambientali” cioè i confini planetari individuati dai maggiori studiosi di scienze del sistema Terra. L’analisi della nostra Impronta Ecologica dice infatti che le richieste che l’umanità ha esercitato sulla natura eccedono la capacità rigenerativa del nostro pianeta: già oggi necessitiamo di un pianeta e mezzo per ricreare i servizi degli ecosistemi che utilizziamo ogni anno. Spingersi oltre i confini esterni della ciambella significa entrare in una zona pericolosa dove possono verificarsi repentini cambiamenti negativi, come sta già accadendo ora per la perdita di biodiversità o il cambiamento climatico. I lati interni della ciambella invece costituiscono una sorta di “pavimento” fondamentale di diritti umani, una base sociale che, se viene sorpassato, produce un’inaccettabile deprivazione umana. Secondo questo modello, la nuova economia e le politiche di sostenibilità dovranno quindi agire in una fascia tra i diritti umani di base e il tetto ambientale dei confini planetari: la ciambella insomma sarebbe una fascia sicura per l’ambiente e socialmente giusta per l’umanità.

Qui di seguito tutti i nove appuntamenti (e qui il programma completo):

• Martedì 18 aprile ore 17.30 a Villa del Grumello “L’economia della ciambella”
• Mercoledì 10 maggio ore 10 alla Camera di Commercio di Como “Green jobs: la sostenibilità incoraggia i giovani e il lavoro”
• Venerdì 12 maggio ore 14.30 al Parco Scientifico Tecnologico ComoNExT “Sostenibilità grande opportunità per le imprese”
• Sabato 13 maggio ore 9.45 a Ecofficine Lab “C’è campo? Bilancio di un’esperienza lombarda”
• Martedì 16 maggio ore 14.30 nell’Aula Magna dell’Università dell’Insubria “Il mercato green interroga le imprese” 
• Giovedì 18 maggio ore 19 al Chiostrino Artificio “Strategie per resistere ai cambiamenti climatici” 
• Venerdì 19 maggio ore 9.30 alla Camera di Commercio di Como “Impronta e etichetta ambientale, veri indicatori di sostenibilità”
• Mercoledì 24 maggio ore 14.30 a Villa Bernasconi “Verso un futuro sostenibile: è possibile?”
• Venerdì 26 maggio a Como ore 9.30 alla Camera di Commercio di Como “Green Pubblic Procurement”