9 Giugno Giu 2017 1000 one year ago 9 Giugno Giu 2017 1430 one year ago Roma

Un volontariato in direzione ostinata e contraria

Italia Roma - Via Raffaele Majetti, 70
www.volontariatogiustizia.it

Dal Carcere alle misure di Comunità, torna l'assemblea della Conferenza nazionale Volontariato Giustizia

“Un volontariato in direzione ostinata e contraria”. Prende in prestito una celebre espressione di Fabrizio De Andrè il titolo della X Assemblea nazionale della CNVG Conferenza Nazionale Volontariato Giustizia, che riunirà istituzioni, esperti e protagonisti della realtà del carcere e delle misure di Comunità venerdì 9 giugno a Roma, alla Sala Teatro di Rebibbia in Via Raffaele Majetti 70, a partire dalle ore 10.

«Per fare volontariato con i soggetti di cui ci occupiamo noi, bisogna davvero essere ostinati e andare costantemente in direzione contraria a quella della stragrande maggioranza della società», spiega Ornella Favero, presidente di CNVG.

L’assemblea sarà l’occasione per fare il punto sullo stato delle carceri italiane, ma anche per conoscere i protagonisti dei progetti che coinvolgono le persone detenute o che hanno problemi con la giustizia, scoprire le dinamiche più pervasive dell’essere volontari in carcere e sul territorio seguendo le misure di Comunità e ascoltare le testimonianze dirette delle famiglie di autori e vittime di reato.
Nel corso dell’Assemblea verrà anche firmato un importante protocollo tra la Cnvg e il Dipartimento della Giustizia Minorile e di Comunità.

In questo viaggio, i partecipanti saranno accompagnati dalla presidente di Cnvg Ornella Favero e dalla direttrice del Nuovo Complesso di Rebibbia Rosella Santoro, che apriranno i lavori, insieme ad Alessandro Pedrotti, vice presidente di Cnvg, e Ileana Montagnini, segretaria generale di Cnvg.

Si esploreranno i meccanismi della devianza e della criminalità, ma anche della rieducazione e del cambiamento, grazie a Ivo Lizzola, professore di Pedagogia sociale e di Pedagogia della marginalità e della devianza presso l’Università degli studi di Bergamo, e Adolfo Ceretti, professore ordinario di Criminologia all’Università Bicocca e coordinatore scientifico dell’ufficio per la Mediazione Penale di Milano.

Si capirà cosa vuol dire sperimentarsi a teatro con Claudio Montagna, che dirige un laboratorio teatrale permanente nel carcere “Lorusso e Cutugno” di Torino, e si conoscerà l’entusiasmo della squadra di “Atletico Diritti”, fatta di persone immigrate, detenute, ex detenute e studenti con base a Roma.

Studenti in campo anche con il progetto di informazione e sensibilizzazione “A scuola di libertà”, un percorso che ha ispirato anche un omonimo concorso di scrittura e che vedrà proprio all’Assemblea di Cnvg la premiazione dei temi vincitori. Scrittura e informazione saranno protagoniste della giornata anche con le importanti testimonianze delle redazioni dei giornali del carcere, insieme alla voce dello scrittore Maurizio Torchio, autore del romanzo “Cattivi”.

Spazio anche alle istituzioni grazie alla partecipazione di Riccardo De Vito, magistrato di Sorveglianza a Sassari e presidente di Magistratura Democratica, e Gemma Tuccillo, capo del dipartimento di Giustizia Minorile e di Comunità.

L’associazione Libera offrirà un panorama delle esperienze maturate in ambito minorile, mentre l’associazione Libero 21 di Bollate racconterà i percorsi di inserimento al volontariato rivolto proprio alle persone detenute ammissibili al lavoro esterno al carcere.

Arricchiranno la giornata le parole dei familiari di autori e vittime di reato, che daranno testimonianza diretta delle storie che hanno vissuto.

L’entrata è possibile dalle ore 9, presentando un documento d’identità valido.

Dalle 13:30 alle 14:30 sarà offerto un buffet a cura di Caritas di Roma - Area carcere.

L’evento è promosso con il sostegno di SPES - Centro di Servizio per il Volontariato del Lazio.

Programma su www.volontariatogiustizia.it