12 Ottobre Ott 2017 0000 2 years ago 15 Ottobre Ott 2017 0000 2 years ago Brescia

Festival della Missione

Italia Brescia - Via Moretto 75
http://www.festivaldellamissione.it/

Mission is possible, la risposta della Chiesa all'uscita missionaria chiesta da Papa Francesco

Prende il via giovedì 12 ottobre a Brescia il Festival nazionale della Missione, promosso da CIMI (Conferenza degli istituti missionari italiani), Fondazione Missio (organismo pastorale della CEI) e Diocesi di Brescia (in particolare attraverso il Centro missionario diocesano).

«Mission is possible»: questo è un po' lo slogan dell'evento. «Come Istituti missionari promuoviamo e appoggiamo in pieno l’iniziativa del Festival della Missione. Siamo più che mai convinti che il Vangelo di Gesù Cristo abbia bisogno di essere detto, cantato, condiviso, proclamato, testimoniato non solo all’interno delle nostre chiese e delle nostre comunità, ma "uscendo per le piazze e per le vie della città" (Lc 14,21): perché non possiamo tacere questa Vita che è in noi!», spiega sul sito suor Marta Pettenazzo, superiora provinciale per l’Italia delle missionarie di Nostra Signora degli apostoli e presidente della CIMI (Conferenza Istituti Missionari Italiani). «Riteniamo che il Festival possa essere, oggi, uno strumento privilegiato per condividere questo dono, in comunione tra di noi e in piena sintonia con quella “Chiesa in uscita” alla quale Papa Francesco fa sovente riferimento. Crediamo fermamente che “la fede si rafforza donandola”! Attraverso le varie espressioni comunicative che ci verranno proposte dal Festival potremo tutti arricchirci del pezzetto di fede che abita e anima ciascuno e ciascuna. Oggi più che mai Mission is possible, nella misura in cui sapremo aprirci al Dono che saremo disposti a offrire, ma anche a ricevere, nella diversità e varietà delle nostre provenienze e culture di appartenenza». 

Importanti i numeri di questa prima edizione, che si concluderà la sera di domenica 15 ottobre: 80 ospiti, italiani e stranieri, una dozzina di tavole rotonde e incontri d'autore (a cui vanno aggiunte le presentazioni “in 60 minuti” nella Libreria del Festival), 8 spettacoli (concerti, rappresentazioni teatrali, esibizioni corali), 23 mostre diffuse sul territorio, quasi 200 missionari che porteranno la loro testimonianza sia nelle veglie di preghiera del giovedì sera in venti diversi luoghi della città sia durante l'originale proposta degli aperitivi con il missionario.

La sfida del festival consisterà nel provare a sperimentare linguaggi nuovi, nella convinzione che quella del Festival è una formula che incrocia la sensibilità di tanti, cristiani e no, che hanno nel cuore domande profonde e voglia di confrontarsi. A differenza dei Festival “classici”, però, quello della Missione vorrebbe essere, oltre che un insieme di dibattiti, tavole rotonde, testimonianze, un momento di festa, di gioia e condivisione. L’obiettivo: toccare i cuori, oltre che la testa. Per farlo è necessario far emergere la bellezza dell’esperienza missionaria anche con l’arte, la musica, lo stare insieme in un clima di festa.

Qui il programma completo.