13 Ottobre Ott 2017 1100 8 days ago 13 Ottobre Ott 2017 1300 8 days ago Bergamo

Indice Globale della Fame 2017

Italia Bergamo - Piazza Camillo Benso Conte di Cavour, 15
https://www.cesvi.org/

Presentazione in anteprima internazionale

Venerdì 13 ottobre, dalle ore 11 alle 13, al Teatro Donizetti di Bergamo, Cesvi e Alliance2015 presentano in anteprima internazionale l’Indice Globale della Fame 2017.
La presentazione internazionale de l’Indice Globale della Fame 2017 si inserisce nel più ampio programma di eventi, laboratori, convegni che Bergamo ospiterà in occasione della Riunione dei Ministri dell’Agricoltura del G7 del 14 e 15 ottobre, nell’ambito della Presidenza italiana del G7.
Sviluppato e adottato dall’International Food Policy Research Institute (IFPRI), l’Indice Globale della Fame è uno strumento statistico per la raccolta di dati sulla fame nel mondo e sulla malnutrizione nei diversi Paesi e fornisce una misurazione multidimensionale della fame a livello nazionale, regionale e globale.

L’Indice Globale della Fame indica progressi e fallimenti dei singoli Paesi e delle macro regioni del mondo, e aiuta a comprendere quali politiche e azioni concrete devono essere intraprese per un’efficace lotta alla fame. Pubblicato per la prima volta nel 2006, è realizzato con la collaborazione della ong tedesca Welthungerhilfe e l’irlandese Concern Worldwide, partner europei del network Alliance2015. L’edizione italiana è curata da Cesvi dal 2008.

Anche se la produzione alimentare globale è sufficiente a nutrire il mondo, la fame continua a esistere ed è in gran parte il prodotto di alcune gravi disuguaglianze. L’Indice Globale della Fame 2017 analizza come le disuguaglianze basate sull’appartenenza etnica, sulla provenienza geografica (aree rurali o urbane), sul genere, sullo status socio-economico o sull’accesso al potere, influenzano direttamente lo status nutrizionale di una persona.

Né la fame né le diseguaglianze sono inevitabili: affondano entrambe le radici in relazioni di potere disuguali, spesso perpetuate e aggravate da leggi, politiche, atteggiamenti e pratiche.

Quali gruppi sociali sono più a rischio? Quali strategie sono realistiche ed efficaci per combattere le disuguaglianze e la fame? È possibile raggiungere l’Obiettivo Fame Zero entro il 2030 con gli attuali livelli di disuguaglianza? Discuteremo di questo e molto altro con i rappresentanti politici e della società civile che parteciperanno al panel di discussione dell’evento di lancio.

Per partecipare è necessario registrarsi sul sito di BergamoScienza e prenotarsi all’evento.

In allegato il programma