5 Dicembre Dic 2017 0830 9 months ago 5 Dicembre Dic 2017 1630 9 months ago Verbania Pallanza

Affettività e sessualità nei disabili

Italia Verbania Pallanza - Via San Bernardino 49
www.sacrafamiglia.org

Convegno organizzato da Fondazione Istituto Sacra Famiglia Onlus e Consorzio dei Servizi Sociali del Verbano

Il 5 dicembre, dalle ore 8.30 alle 16.30, presso il Centro Eventi Il Maggiore di Verbania Pallanza si terrà il convegno "Affettività e sessualità nella persona con disabilità" organizzato da Fondazione Istituto Sacra Famiglia Onlus e il Consorzio dei Servizi Sociali del Verbano, due realtà d’eccellenza che operano sul territorio offrendo al pubblico i migliori servizi socio-assistenziali.
L’incontro, rivolto a varie figure professionali in campo educativo e socio-sanitario, sarà l’occasione per approfondire un tema delicato come la dimensione affettiva e sessuale delle persone disabili. Il confronto su questo argomento è ancora oggi difficile ma utile e necessario per tutti gli operatori e le famiglie che assistono quotidianamente disabili e che non sempre riescono a gestire in maniera adeguata le dinamiche affettive e corporee.

«Durante la giornata di studio si cercherà di concentrare il più possibile l’attenzione dell’uditorio sugli aspetti educativi nell'ambito della sessualità e disabilità», dichiara il dottor  Antonio Fornara, Responsabile Medico  della filiale di Verbania di Fondazione Sacra Famiglia  e responsabile scientifico dell’evento, «sottolineando quali sono gli errori più comuni commessi dai professionisti e come adattare i loro interventi, quali sono i rischi e le difficoltà nel riconoscimento dei bisogni della persona con disabilità intellettiva”  e conclude “Il convegno intende inoltre proporre strumenti di analisi, lettura e osservazione delle dinamiche relazionali e affettive relative allo sviluppo emotivo, corporeo  e sessuale delle persone con disabilità».

L’affettività e la sessualità sono elementi importanti nella definizione dell’identità di ogni persona, proprio per questo per chi opera nel campo della disabilità è importante confrontarsi su questi temi.
La gestione di dinamiche emotive e corporee delle persone disabili rientra nella quotidianità e nei progetti educativi come qualcosa di inatteso e che spesso non si riesce ad affrontare in maniera corretta perché provoca nei familiari e negli operatori un forte senso di disagio, timore e preoccupazione. Ci si chiede come comportarsi, che risposte dare, quale atteggiamento avere.
 «Il complesso delicato tema della sessualità nella sfera della disabilità sarà inoltre oggetto di una ricerca che sarà al centro della nostra attività nell’anno 2018, con il fine di studiare e approfondire le modalità relazionali e affettive dei nostri ospiti», annuncia la dottoressa Monica Conti, Responsabile della Ricerca Sociale Applicata di Fondazione Sacra Famiglia. «L’obiettivo della ricerca sarà una conoscenza della sessualità e dell’affettività della persona con disabilità, non come un mondo a parte ma come una dimensione spesso negata e tenuta lontana. Si esploreranno paure, aspettative e pregiudizi degli operatori nonché di tutti i professionisti che gravitano attorno alla persona».