25 Maggio Mag 2018 0930 3 months ago Milano

Affettività e sessualità nella persona con disabilità

Italia Milano - Piazza IV Novembre 5
www.sacrafamiglia.org

Un incontro organizzato da Fondazione Sacra Famiglia utile per tutti gli operatori e le famiglie che assistono quotidianamente disabili e che non sempre riescono a gestire in maniera adeguata le dinamiche affettive e corporee

Il  25 maggio, dalle ore 9.30 alle 17.30, a Milano presso il Palazzo del Lavoro di Gi Group in Piazza IV Novembre 5 si terrà il convegno “Affettività e sessualità nella persona con disabilità” organizzato da Fondazione Istituto Sacra Famiglia Onlus e il Consorzio dei Servizi Sociali del Verbano, due realtà d’eccellenza che offrono al pubblico i migliori servizi socio-assistenziali.
L’incontro, presentato dal Centro Formazione Moneta, è rivolto a varie figure professionali in campo educativo e socio-sanitario e sarà l’occasione per approfondire un tema delicato come la dimensione affettiva e sessuale delle persone disabili. Il confronto su questo argomento è ancora oggi difficile ma utile e necessario per tutti gli operatori e le famiglie che assistono quotidianamente disabili e che non sempre riescono a gestire in maniera adeguata le dinamiche affettive e corporee.
L’affettività e la sessualità sono infatti elementi importanti nella definizione dell’identità di ogni persona, proprio per questo, per chi opera nel campo della disabilità, è importante confrontarsi su questi temi.

La gestione di dinamiche emotive e corporee delle persone disabili rientra nella quotidianità e nei progetti educativi come qualcosa di inatteso e che spesso non si riesce ad affrontare in maniera corretta perché provoca nei familiari e negli operatori un forte senso di disagio, timore e preoccupazione. Ci si chiede come comportarsi, che risposte dare, quale atteggiamento avere.  

Il convegno, rivolto alle varie figure professionali che a diverso titolo operano nel campo educativo, sociale e sanitario, intende quindi offrire e proporre strumenti di analisi, di lettura e osservazione delle dinamiche relazionali e affettive relative allo sviluppo emotivo, corporeo e sessuale delle persone con disabilità intellettiva al fine di migliorarne la gestione da parte di tutti gli operatori del settore.