21 Maggio Mag 2021 1000 6 months ago 23 Maggio Mag 2021 1700 6 months ago Milano

WeWorld Festival

Italia Milano - Via Bergognone, 32
https://www.weworld.it/

Undicesima edizione che si svolgerà in duplice veste: in presenza e online

Torna, dal 21 al 23 maggio il WeWorld Festival che per la sua 11esima edizione, si svolgerà in una doppia veste: in presenza allo spazio BASE di Milano, online sulla pagina Facebook di WeWorld
Tre giorni di talk, dibattiti, performance e mostre, tutti ad accesso libero e gratuito, per continuare a parlare di empowerment, di diritti e della condizione femminile: un argomento tanto più importante nell’Italia di oggi, che ha visto le donne prime vittime economiche e sociali della pandemia. Tema centrale di questa edizione saranno gli stereotipi, di genere ma non solo, antichi e nuovi, che costituiscono ancora il fondamento della mancata inclusione di molte donne nella vita sociale, politica, economica e culturale del nostro Paese. Dagli stereotipi di genere a quelli legati all’aspetto fisico e al bodyshaming, dagli stereotipi su donne e maternità fino alla violenza di genere.

Tra gli eventi di apertura in programma il 21 maggio (ore 11 alla sala Lounge di BASE) la presentazione del report “Mai Più Invisibili - Indice 2021: donne, bambini e bambine al tempo del Covid-19 in Italia", indagine realizzata da WeWorld per misurare l’inclusione di donne e popolazione under 18, monitorandola attraverso 38 indicatori per rilevare molteplici aspetti (economico ma anche educativo, sanitario, culturale, politico, civile) e considerando l’intreccio tra le condizioni di vita degli uni e delle altre. Focus monografico dell’edizione 2021 la condizione economica delle donne in Italia post Pandemia.
Modera: Marta Serafini

Il 22 maggio alle ore 16,30 ( sala Lounge di BASE) "Corpo, Terra di Frontiera". Come viviamo oggi con la nostra fisicità? Quanto è difficile riuscire ad accettare sé stesse e il proprio corpo senza essere condizionate dalla società che ci circonda? Carlotta Vagnoli, autrice e attivista, l’attrice Vittoria Schisano e la sportiva Sara Ventura racconteranno il proprio percorso, differente, ma simile nella difficoltà di far accettare agli altri le proprie scelte. A seguire "Musa e Getta. Storie dimenticate di donne straordinarie. Un progetto di Ponte alle Grazie". “L'iniziativa editoriale ideata da Arianna Ninchi e Silvia Siravo, coinvolge sedici scrittrici italiane, che raccontano nel libro “Musa e getta” (Ponte alle Grazie) sedici donne-muse del passato e del presente, che hanno stretto relazioni complesse e pericolose con uomini di successo: da Dora Maar a Maria Callas, da Kate Moss ad Amanda Lear, fino a Nadja Krupskaja, politica e pedagogista moglie di Lenin. Le racconteranno al WeWorld Festival, in una performance-reading d’eccezione, le curatrici e tre delle scrittrici coinvolte: Ritanna Armeni, Igiaba Scego (in streaming) e Anna Siccardi. A seguire: Per strada è la felicità. Presentazione del nuovo libro di Ritanna Armeni. Modera la giornalista e storica delle donne Valeria Palumbo.

Il 23 maggio in streaming sulla pagina Fb (ore 10,30) "Giù la maschera", autobiografia senza veli di una vita vissuta sempre con passione di Elisa DI Francisca. Una campionessa fuori dagli schemi che nonostante la ferrea disciplina della scherma ha mantenuto una grande voglia di libertà. Il racconto autobiografico senza filtri, raccolto dalla giornalista del «Corriere della Sera» Gaia Piccardi, di una campionessa imperfetta ma sempre autentica. Nel libro il racconto di una relazione violenta – archiviata - la conquista di Europei, Mondiali e Olimpiadi (con due ori e un argento), la maternità, ma anche l’esperienza in Kenya con WeWorld, da cui torna cambiata per sempre. Si torna in presenza (ore 16,30 - Sala Lounge) con "Modelli di Mamme e Mamme Modelle". Le nuove forme della famiglia, i ruoli rivisti, le dinamiche che regolano oggi i rapporti tra madri, padri, figli, nonni: superare i vecchi stereotipi per permettere una nuova narrazione famigliare. Ne parlano Cristina Sivieri Tagliabue, editorialista del Sole24Ore, Benedetta Barzini, docente di antropologia culturale in pensione e le blogger Mammadimerda.

Il WeWorld Festival si svolge con il prestigioso patrocinio del Senato della Repubblica, della Camera dei Deputati, della Regione Lombardia, della Città metropolitana di Milano e del Comune di Milano e grazie al prezioso sostegno di Canon, PwC e Veuve Clicquot e al sostegno di #ClimateOfChange e #OurFoodOurFuture - due progetti/campagne finanziate dall'Unione Europea nell'ambito del programma Dear (Development Education and Awareness Raising) e  del progetto RaP: Rhizome Against Polarization, cofinanziato da European Union’s Internal Security Fund – Police.

Gli eventi in presenza sono su prenotazione