In Edicola

#11 2018

Acquista numero singolo 7€
Sono oltre mille le famiglie italiane che hanno scelto di ospitare un migrante in casa. Un’esperienza straordinaria. Ecco come e perché farla
  • CAPITOLO 1Le filiere dell’accoglienza

  • Gli enti. Un’esperienza straordinaria. Ma bisogna essere preparati —di A. Spena

  • Focus corridoi umanitari: Caritas Italiana e Comunità di Sant’Egidio

  • I Comuni. Così l’accoglienza genera sviluppo —di M. Dotti

  • CAPITOLO 2Le famiglie dell’accoglienza

  • Abbiamo aperto le porte:

  • TORINO Il primo giorno. Ha voluto lavare i piatti e pulire la cucina. Credo che andremo d’accordo —di A. Masera

  • BOLOGNA La religione. Capita di discutere: faccio fatica a comprendere l’islam —di A. Agnoli

  • FERRARA In famiglia. Ormai è come se fosse un figlio

  • MACERATA L’addio. Blessing non vive più qui. Ma il legame che c’è fra noi durerà per sempre

  • FIDENZA La convivenza. Letina e Mariam? Con loro siamo diventati un vero co-housing

  • ROMA Il lavoro. Non c’è solo quello: la spensieratezza è importante

  • MILANO La paura. Vivere con uno sconosciuto? Nessun problema: è come gestire un Airbnb

  • PARMA L’emulazione. Dopo mio papà, l’ho fatto anch’io

  • TREVISO Le regole. Servono e vanno rispettate da tutti. Altrimenti? La porta è aperta anche per uscire

  • MILANO Il futuro. Sacko farà una grande carriera

  • ROMA La casa. La mia era troppo piccola per ospitare. La soluzione? Ho traslocato

  • MILANO I figli. Per loro Hamdi è una porta sul mondo

  • CAPITOLO 3Il vocabolario dell’accoglienza

  • 1. OSPITE —di Silvano Petrosino

  • 2. CONFLITTO —di Aldo Bonomi

  • 3. ESILIO —di Luca Doninelli

  • 4. IMPARARE —di Eraldo Affinati

  • 5. FAMIGLIA —di Chiara Giaccardi

  • 6. CONDIVISIONE —di Johnny Dotti

  • 7. IMMAGINI —di Giovanni Hänninen e Giovanni Iudice