Sezioni

Attivismo civico & Terzo settore Cooperazione & Relazioni internazionali Economia & Impresa sociale  Education & Scuola Famiglia & Minori Leggi & Norme Media, Arte, Cultura Politica & Istituzioni Sanità & Ricerca Solidarietà & Volontariato Sostenibilità sociale e ambientale Welfare & Lavoro

Solidarietà & Volontariato

€“DAI TEMPO ALLA VITA”: LA CAMPAGNA FITOT PER AIUTARE LA RICERCA SUL TRAPIANTO.

Fino al 10 dicembre sarà possibile dare il proprio contributo inviando un SMS al numero 45507.

di A.I.D.O. - Associazione Italiana per la Donazione di Organi e Tessuti e Cellule

FITOT – Fondazione per l’Incremento dei Trapianti d’Organo e di Tessuti Onlus – lancia la seconda campagna di raccolta fondi per finanziare 3 importanti progetti di ricerca per prolungare della durata degli organi trapiantati: attualmente, infatti, circa la metà dei pazienti rischia di perdere l’organo entro i 15 anni successivi al trapianto.

Dal 20 novembre fino al 10 dicembre sarà possibile sostenere la ricerca scientifica sui trapianti donando 2 euro con l’invio di un sms al numero 45507.

Il tema dei trapianti in Italia è ancora un argomento molto difficile e delicato da trattare, costellato da tanti dubbi e perplessità, spesso per mancanza di corrette informazioni. Nonostante il nostro Paese rappresenti, infatti, un’eccellenza in questo settore, le liste d’attesa per un trapianto sono ancora lunghe: 6.563 sono, infatti, le persone in lista per un trapianto di rene, con un tempo medio di attesa in lista pari a poco meno di 3 anni; 1.013 attendono un trapianto di fegato; 724 sono in lista di attesa per un trapianto di cuore, 238 per un trapianto di pancreas ed infine 375 persone che attendono un trapianto di polmone. Il totale dei pazienti attualmente in attesa di un trapianto è di 8.751 persone.

Oggi, nel nostro paese, purtroppo solo un terzo delle persone in lista si salva la vita o la migliora ricorrendo al trapianto. Nel 2011, anche grazie alle campagne di informazione e sensibilizzazione, la percentuale di opposizioni, di familiari o congiunti alla richiesta di donazione, si è attestata sotto 29.2% contro il 31.5% del 2010. Questo dato percentuale è il risultato di un’informazione più diretta e trasparente con le famiglie e l’opinione pubblica in generale. Non si può dimenticare però che – a causa di quel 30% di italiani che “scelgono” di non donare si perdono ogni anno dagli 800 ai 2.000 trapianti. Anche per questo è necessaria una maggiore diffusione della cultura dei trapianti, nonché un impegno più concreto per sostenere la ricerca scientifica. Oggi, infatti, una delle problematiche più urgenti è quella relativa alla sopravvivenza stessa degli organi trapiantati che continua ad essere insufficiente: attualmente, infatti, circa la metà dei pazienti trapiantati rischia perdere l’organo entro i 15 anni successivi al trapianto. Ecco perché FITOT, che da 15 anni è impegnata attivamente sui fronti della cultura della donazione e della formazione, ha deciso di promuovere “Dai tempo alla vita!”, una campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi, che sottolinea l’importanza fondamentale di una incessante attività di ricerca scientifica per il progresso della medicina del trapianto. Per questa ragione la campagna è sostenuta anche da AIDO, ANED e ACTI.

http://www.facebook.com/pages/AIDO-Associazione-Italiana-per-la-Donazione-di-Organi-Tessuti-e-Cellule/306455497679?v=wall

http://www.aido.it/


Qualsiasi donazione, piccola o grande, è
fondamentale per supportare il lavoro di VITA