#Ucraina

È il morale la chiave, in Ucraina arrivano le “stazioni di invincibilità”

28 Novembre Nov 2022 0911 28 novembre 2022

Nel Paese si moltiplicano le tende e le strutture temporanee in grado di offrire riscaldamento e servizi basilari alla popolazione al freddo e spesso senza elettricità, acqua e gas. Ma il bisogno è enorme

  • ...
Kiev Stazione Invincibilità
  • ...

Nel Paese si moltiplicano le tende e le strutture temporanee in grado di offrire riscaldamento e servizi basilari alla popolazione al freddo e spesso senza elettricità, acqua e gas. Ma il bisogno è enorme

I residenti di Kiev che si sono rifugiati nella loro "stazione di invincibilità" locale erano ben consapevoli che il loro morale è diventato il campo di battaglia centrale della guerra, e non è un territorio che sono disposti a concedere a Vladimir Putin.

La tenda grigia isolata allestita all'angolo di una strada nel quartiere Pecherskyi di Kiev, come racconta The Guardian, è una delle migliaia allestite in tutto il Paese questa settimana, offre elettricità, calore, tè e panini dopo l'ultimo assalto russo.

"È come il 24 febbraio, quando è iniziata l'invasione, e l'inizio di marzo, quando la gente si è veramente riunita", racconta Maryna Honcharova a Kulian Borger, infagottata in un cappotto invernale al centro della tenda. Se questo era il grande piano di Putin per schiacciare la volontà del popolo, ha aggiunto, si è ritorto contro di lui. Fa solo crescere la rabbia verso la Russia. Non facciamo altro che maledire e odiare di più la Russia".

Nella tenda si sono levati mormorii di assenso. Quelli che prima chiacchieravano in russo sono passati all'ucraino per ribadire il concetto.

La mappa delle stazioni di invincibilità e ristoro

la legenda dei servizi

Mercoledì scorso, una salva di missili da crociera ha messo fuori uso la rete elettrica nazionale e, con essa, l'approvvigionamento idrico di gran parte del Paese. Nelle immagini satellitari, l'Ucraina si stagliava come un'isola nera come la pece. Mercoledì sera Kiev era completamente al buio, a parte alcune strutture pubbliche e aziende dotate di generatori.

All'alba di giovedì, il 70% della capitale era ancora senza corrente. La temperatura esterna era di poco superiore allo zero e una pioggia gelida ha sciolto la neve dei giorni scorsi e ha riempito le strade di fanghiglia scura. C'era acqua ovunque, ma pochissima da bere. Non c'era corrente per le stazioni di pompaggio dell'acqua.

Oksana Yakovleva, dentista, e suo marito attore, Yurii, si erano preparati a questa eventualità riempiendo d'acqua ogni contenitore che avevano. Avrebbero riempito anche la vasca da bagno, se non avessero avuto paura che i loro tre gatti ci cadessero dentro. Nel frattempo, la vita continuava. Il teatro di Yurii continuava a mettere in scena spettacoli. "Nessuno disdice. Vengono per l'energia positiva", ha detto. Oksana ha fatto notare che sua madre, 87 anni, è tornata al lavoro, insegnando in una scuola di musica, senza subire danni.

La Russia ha utilizzato l'iconografia della seconda guerra mondiale per mantenere il sostegno pubblico russo all'invasione. Gli ucraini sono pronti a sottolineare che la lotta vittoriosa è anche la loro eredità e ne traggono lezioni di resilienza.

"Siamo ucraini. Siamo forti e possiamo superare tutto questo", ha detto Angelina Anatolieva, 50 anni, residente a Pecherskyi. "Ricordate l'assedio di Leningrado? Loro sono sopravvissuti a quello e noi possiamo sopravvivere a questo. Possiamo superare tutto".

I ripetuti attacchi, che il Presidente Volodymyr Zelenskiy ha definito un crimine contro l'umanità, stanno avendo un impatto cumulativo sulle infrastrutture critiche dell'Ucraina. Farid Safarov, vice ministro dell'Energia, ha dichiarato che mercoledì pomeriggio, dopo gli attacchi missilistici, si è verificato un blackout totale. "Non avevamo un sistema energetico unico e sincronizzato. Era diviso in parti, quindi posso dire che era fuori uso al 100%", ha detto Safarov. Tuttavia, alle 16.00 di giovedì, la rete elettrica nazionale è stata rimessa insieme grazie agli intensi sforzi dei lavoratori delle utility, che si sono affrettati a ripristinare le centrali elettriche, le linee ad alta tensione e i trasformatori. Lo hanno fatto sotto la costante minaccia della tattica russa del "double tap", che prevede un secondo attacco ai siti danneggiati con l'obiettivo di uccidere gli operatori umanitari e di riparazione.

"Abbiamo un paio di strutture che sono state colpite almeno otto volte. Il fronte energetico è il secondo fronte della guerra", ha detto Safarov, descrivendo gli ingegneri che rischiano la vita per le riparazioni come "soldati dell'energia che proteggono il Paese".

Per ricostruire adeguatamente le infrastrutture energetiche ucraine sarebbe necessaria una grande quantità di tecnologia importata e di finanziamenti esterni, ma ciò sarà inutile, ha sottolineato Safarov, senza adeguate difese missilistiche "Immaginiamo di aver ricevuto tutte le attrezzature necessarie in un giorno e di averci messo un giorno per installarle, ma poi c'è un nuovo attacco missilistico", ha detto. La priorità è "creare uno scudo nel cielo per proteggere le nostre infrastrutture energetiche".

Al centro della stazione di invincibilità di Pecherskyi c'era un piccolo tavolo coperto da una pila di cavi simili a spaghetti, dove gli abitanti del luogo caricavano i loro telefoni e zaini elettrici. Su un lato c'era un bancone con acqua e snack.

L'intero locale misurava al massimo un centinaio di metri quadrati ed era quasi pieno già nel primo pomeriggio, quando la corrente e l'acqua erano state ripristinate nella maggior parte del distretto. In quello che probabilmente sarà un inverno lungo e rigido, con la rete elettrica sotto l'incessante fuoco russo, Pecherskyi avrà bisogno di una tenda molto più grande, o di molte altre.

Contenuti correlati