Jon Tyson Murales Not Alone Bambina Unsplash
Fundraising

I bambini e la raccolta fondi: una sofferenza troppo ostentata

7 Dicembre Dic 2022 1833 07 dicembre 2022
  • ...

Carla Garlatti, Autorità Garante per l'Infanzia e l'Adolescenza, sceglie Vita.it per lanciare una proposta di incontro alle organizzazioni del terzo settore, per ragionare insieme su come realizzare campagne di raccolta fondi efficaci ma rispettose dei minori. Un dibattito non nuovo, ma che ancora non ha trovato la quadra

Natale si avvicina e si intensificano le campagne per la raccolta fondi a favore delle organizzazioni non profit. In televisione, sul web, nella corrispondenza promozionale che arriva nelle abitazioni si possono vedere, non di rado, immagini di bambini vulnerabili o sofferenti. Quelle della povertà, della malattia e della disabilità sono realtà davanti alle quali non si possono e non si devono chiudere gli occhi. Dimensioni rispetto alle quali occorre intervenire con azioni concrete come, in maniera encomiabile, fa il terzo settore, che ha bisogno della generosità di tanti cittadini.

Occorrerebbe però pure chiedersi se, per toccare il cuore delle persone e promuovere gesti di solidarietà, non possa essere altrettanto efficace mostrare, invece della sofferenza, direttamente i risultati ottenuti e i progetti finanziati con le raccolte fondi. La questione e l’argomento non sono facili da affrontare e una risposta non può arrivare dall’oggi al domani. È necessaria una riflessione approfondita, attraverso un processo ampio e partecipato che coinvolga tutti gli attori impegnati nella tutela dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza.

Per questa ragione rivolgo direttamente alle organizzazioni non profit un appello a riunirsi attorno a un tavolo per arrivare a definire una linea di condotta comune per la realizzazione delle campagne di raccolta fondi che sia quanto più efficace e, nel contempo, rispettosa della dignità dei minorenni. A tal fine invito le organizzazioni a manifestare, entro il 31 gennaio 2023, la propria disponibilità a un confronto presso l’Autorità garante per l’infanzia e l’adolescenza. Le manifestazioni di interesse possono essere fatte pervenire a iniziative@garanteinfanzia.org.

Carla Garlatti, Autorità garante per l’infanzia e l’adolescenza

Photo by Jon Tyson on Unsplash

Contenuti correlati