Spettacolo a tre voci femminili sulla vita e il pensiero di Don Lorenzo Milani in scena in tre quartieri di Milano. Si inizia con il Gallaratese si passa dal quartiere Adriano e si conclude a Quarto Oggiaro

La Compagnia Teatri Reagenti con il sostegno di Comune di Milano – bando Milano è Viva nei quartieri presenta,  all’interno della rassegna Don Milani è per tutti: “La parola fa eguali”, uno spettacolo a tre voci femminili sulla vita e il pensiero di Don Lorenzo Milani. Tre donne ripercorrono la vita di Don Lorenzo Milani: la madre Alice Weiss, colta nobildonna di origini ebraiche; l’Eda, la perpetua che lo segue dalla parrocchia di San Donato a Barbiana; Carla, allieva bambina, che ci fa entrare in quella scuola fra i monti di cui tutto il mondo ha discusso.

Tre atti a tratti brillanti, a tratti commoventi, che seguono lo sbocciare di una personalità forte e originale, ma soprattutto un’umanità profonda. Tre atti scaturiti dalla penna di Massimo Donati, autore e regista non solo di testi teatrali, ma anche romanziere – suoi Diario di Spezie, da poco diventato un film di successo, e Giochi cattivi - che sapientemente regge le fila di una narrazione che rivela l’uomo insieme alle idee, la voglia di giustizia, la gratuità dell’amore sconfinato per i poveri e i reietti. E la fede incrollabile, nonostante i contrasti e l’esilio forzato. 

Lo spettacolo è arricchito da una raccolta di foto e di immagini originali e anche da alcuni estratti dell’unico breve filmato girato nella scuola di Don Lorenzo a Barbiana, poco prima della sua morte.

Uno spettacolo nato per parlare a tanti, dai più giovani agli adulti, al di là di qualsivoglia fede o idea politica. 

“La parola fa eguali” - testo e regia Massimo Donati, con Eva Martucci e i costumi di Vittoria Papaleo

Informazioni e prenotazioni
lunedì 12 dicembre ore 20.45, Cineteatro Maria Regina Pacis, via Kant 8, Milano
martedì 13 dicembre ore 20.45, Casa della Carità, Via Francesco Brambilla 10, Milano
venerdì 16 dicembre ore 20.45, Villa Scheibler – Sala Torretta, Via Felice Orsini 21, Milano

Ingresso gratuito

Prenotazioni associazione.apis@gmail.com; tel. 340 1696843